Di Francesco, "contento ma un po' ingenui nel finale"

(AGI) - Roma, 6 dic. - "Abbiamo sofferto la Roma anche nelprimo tempo, ma siamo stati molto bravi nelle ripartenze e nelriattaccarli. A prendere gol nel finale siamo stati un po'ingenui, ma c'e' qualche dubbio sulla posizione di Florenzi,forse era fuorigioco, in ogni caso peccato prendere gol al 92'ma non inficia la prestazione dei miei giocatori". Cosi' iltecnico del Sassuolo, Eusebio Di Francesco, ai microfoni di SkySport, ha commentato la prestazione della sua squadra contro laRoma: avanti di 2-0 i neroverdi sono stati raggiunti sul 2-2nel finale dai giallorossi. "Ma al

(AGI) - Roma, 6 dic. - "Abbiamo sofferto la Roma anche nelprimo tempo, ma siamo stati molto bravi nelle ripartenze e nelriattaccarli. A prendere gol nel finale siamo stati un po'ingenui, ma c'e' qualche dubbio sulla posizione di Florenzi,forse era fuorigioco, in ogni caso peccato prendere gol al 92'ma non inficia la prestazione dei miei giocatori". Cosi' iltecnico del Sassuolo, Eusebio Di Francesco, ai microfoni di SkySport, ha commentato la prestazione della sua squadra contro laRoma: avanti di 2-0 i neroverdi sono stati raggiunti sul 2-2nel finale dai giallorossi. "Ma al di la' degli episodi - haspiegato Di Francesco - sono contento della prestazione deimiei ragazzi, anche se dispiaciuto perche' pensavamo diriuscire a portare in porto il risultato. Il rigore? Se toccaun'altra parte del corpo non e' rigore. Prima mi pare tocchi lacoscia, ma me l'hanno detto anche i ragazzi", ha detto iltecnico del Sassuolo che ha anche il rammarico per aver mancatoin diverse occasioni la terza rete. "Lo dicevo continuamente dicercare il terzo gol perche' conosco la mia squadra, sapevo lequalita' della Roma, dovevamo essere piu' cinici e cattivi nelfarlo, anche tenere qualche palla in attacco nel finale conesperienza, pero' sono contento perche' questo rappresenta unpassaggio di crescita, di maturazione, stiamo crescendo, mipiace la predisposizione e la mentalita' con cui andiamo adaffrontare queste gare contro squadre piu' forti di noi". (AGI).