Calcio: Sassuolo batte Lazio 2-1 e aggancia quarto posto

(AGI) - Roma, 18 ott. - Torna il mal di trasferta per la Lazio,sconfitta al Mapei Stadium dal Sassuolo di Di Francesco, cheinvece nella sua tana non perde un colpo e con i tre punti dioggi aggancia proprio i biancocelesti al quarto posto inclassifica e in piena zona Europa League. A decidere sono uncalcio di rigore realizzato da Berardi in apertura e ilraddoppio di Missiroli al quarto d'ora della ripresa. Inutileil gol della bandiera della Lazio firmata da Felipe Anderson.Troppe le assenze a centrocampo, per Pioli le scelte sonoobbligate in mezzo

(AGI) - Roma, 18 ott. - Torna il mal di trasferta per la Lazio,sconfitta al Mapei Stadium dal Sassuolo di Di Francesco, cheinvece nella sua tana non perde un colpo e con i tre punti dioggi aggancia proprio i biancocelesti al quarto posto inclassifica e in piena zona Europa League. A decidere sono uncalcio di rigore realizzato da Berardi in apertura e ilraddoppio di Missiroli al quarto d'ora della ripresa. Inutileil gol della bandiera della Lazio firmata da Felipe Anderson.Troppe le assenze a centrocampo, per Pioli le scelte sonoobbligate in mezzo con Onazi e Cataldi in coppia eMilinkovic-Savic trequartista. Solo panchina per Keita, cheinvece quando entra nella ripresa spacca la partita, propiziail gol di Anderson e forse se fosse partito dall'inizio avrebbepotuto creare maggiori difficolta' agli esterni neroverdi. Cheinvece viaggiano e per oltre un'ora dominano la sfida sullefasce. Di Francesco punta su Falcinelli nel tridente completatoda Berardi e Sansone ed e' fortunato perche' la gara si sbloccasubito al 6', grazie al calcio di rigore concesso da Guida perun presunto tocco di Lulic in area su Paolo Cannavaro. Il difensore fa di tutto per cadere e alla fine induce afischiare il penalty su segnalazione dell'assistente. Daldischetto va Berardi che non sbaglia e sigla il suo primo golin campionato quest'anno. Sassuolo subito avanti, Lazio arincorrere.I biancocelesti colpiscono la traversa conMilinkovic-Savic, ma arrancano a centrocampo dove Onazi faticaa trovare il giusto ritmo e viene spesso superato creandosuperiorita' numerica per la squadra di Di Francesco. Nellaripresa Pioli inserisce da subito Keita al posto del nigeriano,la sostanza pero' non cambia. Il Sassuolo si difende bene eriparte e al 15' i neroverdi passano: grande azione da destracon Vrsaljko e Berardi, palla in mezzo e sul rimpallo piombaMissiroli per il 2-0. La Lazio e' scoperta e il Sassuolo a quelpunto rischia di dilagare: al 18' gran sinistro a giro diFalcinelli, che fa pari sul conto delle traverse. Dal possibile3-0 al 2-1 con Anderson, che al 22', per vie centrali,trasforma un assist di Keita. Poco prima dentro Matri, fuoriKlose. Di Francesco risponde con Defrel e Laribi al posto siFalcinelli e Biondini. Nel finale la Lazio alza il ritmo ma siespone anche dietro, prima Berardi (egoista, c'era Defrel tuttosolo), poi Laribi creano il panico in area biancoceleste. Nelfinale la partita si addormenta, per la Lazio sale lafrustrazione e a pagarla e' Cataldi che lascia i suoi in dieciper doppia ammonizione. Sotto di un uomo comunque ibiancocelesti sfiorano il pareggio con Milinkovic-Savic, primadel fischio finale che proietta il Sassuolo a 15 punti, allapari dei biancocelesti e in piena zona Europa League. (AGI).