Calcio: Mandorlini "pensiamo a fare punti, ne abbiamo bisogno"

(AGI) - Roma, 7 dic. - "Creativita' nel scegliere laformazione? Al di la' di questa creativita', ci vuolesolidita'. Domani giochiamo una partita importante contro unasquadra in forma, che sta bene.La formazione ce l'ho gia' intesta, Luna ha subito una contusione, quindi aspettiamo finoall'ultimo per vedere come giochiamo, anche se in qualchereparto siamo un po' contati.Valoti riusciremo a recuperarlo,Ionita non ce la fara', mentre ci saranno due giovani dellaPrimavera: Checchin e Fares. Il modulo? Quella visto contro ilPerugia in Tim Cup e' stata una prova, vedremo se riusciremo arecuperare qualche altro

(AGI) - Roma, 7 dic. - "Creativita' nel scegliere laformazione? Al di la' di questa creativita', ci vuolesolidita'. Domani giochiamo una partita importante contro unasquadra in forma, che sta bene.La formazione ce l'ho gia' intesta, Luna ha subito una contusione, quindi aspettiamo finoall'ultimo per vedere come giochiamo, anche se in qualchereparto siamo un po' contati.Valoti riusciremo a recuperarlo,Ionita non ce la fara', mentre ci saranno due giovani dellaPrimavera: Checchin e Fares. Il modulo? Quella visto contro ilPerugia in Tim Cup e' stata una prova, vedremo se riusciremo arecuperare qualche altro calciatore". Cosi' Andrea Mandorlini,alla vigilia del posticipo di domani sera fra il Verona e laSampdoria."Cambiare ruolo a Rafa Marquez? Lui e' pronto, ci hoparlato in settimana. Ha gia' giocato a centrocampo, anche selo ha fatto tanti anni fa. Rodriguez? Non e' sceso in campo tantissimo ma e'fondamentale per noi come carisma e atteggiamento. E' statopiu' volte elogiato, anche dalla societa', non e' una novita' enon e' stata una sorpresa la partita giocata contro il Perugia.Il suo atteggiamento e il suo modo di interpretare ilprofessionismo e' esemplare. Noi siamo molto contenti di quelloche sta dando. Chi giochera' a destra? Giochera' Gonzalez: e'una grande certezza.Quel ruolo puo' essere ricoperto anche daMoras e martedi', contro il Perugia, ha giocato Juanito, che hafatto un grande sacrificio, seppur le sue condizioni non sianoottimali", ha aggiunto il tecnico dei veneti. "Se un pareggioe' sufficiente contro la Sampdoria? Tutti puntano allavittoria, le partite hanno un loro svolgimento, noi vogliamofare il massimo e aver vinto martedi' e' stato importante pertanti aspetti. Stiamo facendo tanta fatica, molte squadrestanno meglio ma ci aspetta una partita difficile. Dal punto divista mentale tornare a vincere in Tim Cup e' statofondamentale. Ci aspetta una partita difficile ma lo saro'anche per loro. Noi convalescenti? Quest'anno e' un campionatodiverso e diffciile, noi guardiamo in casa nostra e pensiamo afare punti perche' ne abbiamo bisogno", ha proseguitoMandorlini."La Sampdoria? Da quando e' arrivato Mihajlovicstanno facendo bene, hanno convinzione ed entusiasmo, sono informa dal punto di vista psicologico e questo conta molto nelcalcio. Noi abbiamo passato un turno in Coppa Italia ed ora ciaspetta una partita difficile, ma lo sara' anche per loro. Mihajlovic? Ha fatto tanti punti, e questi sono determinatidall'atteggiamento che ha la squadra in campo. Ti soffocano,non ti fanno giocare e ripartono.Ha dei calciatori che stannobene, hanno qualita' e un allenatore che ha risolto tantesituazioni. Le frasi ad effetto di MIhajlovic? Lui e' fattocosi'. Questa e' un'altra partita, e' passato un anno e lui hafatto meglio ed e' piu' convinto, anche nelle cose che dice.Noi pensiamo alla partita e alle loro qualita'. Loro superioria noi tecnicamente? Se i punti sono determinanti si', ma ognipartita ha la sua storia e vedremo come andra' lunedi'", hapuntualizzato l'allenatore del Verona. "Le dichiarazioni diLuca Toni? Lo ringrazio per le belle parole spese in settimana,siamo tutti dentro questa situazione, nessuno si e' mai toltodelle responsabilita'. So bene quali sono le regole di questosport, ma oltre alle parole noi dobbiamo fare anche punti. Seho avuto altri screzi con lui? L'importante e' che torni a faregol. Ha un piccolo problema al piede ma sta stringendo i denti.In questo momento e' cosi', tiriamo fuori tutto quello cheabbiamo e, come ha detto il direttore Sogliano, torniamo asporcarci la maglia di fango", ha precisato Mandorlini."Quandoero all'Inter e vincemmo lo scudetto nella stagione 1988-89,durante il giorne d'andata perdemmo due partite, e una diquesta fu con la Fiorentina. Il ritorno lo ricordo ancora bene,era l'ultima giornata e noi eravamo gia' Campioni d'Italia,mentre loro dovevano vincere per guadagnare l'accesso in CoppaUefa (ora Europa League, ndr). Giocammo una grande partita,vincemmo, c'era voglia di ribaltare il risultato dell'andata.Contro la Sampdoria dovra' essere la stessa cosa, abbiamogrande rispetto per i blucerchiati, sono gemellati con lanostra tifoseria, ma ci ricordiamo della brutta sconfittasubita lo scorso anno. Sono cambiate tante cose ma questo deveessere lo spirito. Di errori ne abbiamo commessi ma dobbiamofarne meno. Non sara' una rivincita, ma noi vogliamo tornare avincere", ha concluso il tecnico del Verona. (AGI).