Guardiola alla Juve per 24 milioni l'anno, il 4 giugno si firma l'accordo

Venerdì 14 la presentazione ufficiale del tecnico spagnolo che ha appena vinto la Premier League col Manchester City. Manca solo l'annuncio della società bianconera. Il legale del club inglese smentisce: "Pep vuole rimanere qui"

Calcio: accordo Juve-Guardiola, la firma 4 giugno

Articolo aggiornato alle ore 18,00 del 23 maggio 2019.

La Juventus e Pep Guardiola avrebbero raggiunto un accordo che impegnerebbe l'allenatore con i bianconeri per quattro anni con un compenso di 24 milioni di euro a stagione. Secondo quanto apprende l'AGI, la firma è prevista per il 4 giugno. Venerdì 14 poi la presentazione ufficiale, giorno in cui, casualità, i tour per visitare l'Allianz Stadium con il relativo Juventus Museum sono stati improvvisamente e misteriosamente sospesi.     

I colpi a sorpresa stanno ormai diventando un marchio di fabbrica della gestione Agnelli/Paratici, basti pensare all’arrivo di Cristiano Ronaldo la scorsa estate, tant’è che le quotazioni delle agenzie di scommesse sul prossimo tecnico della Juve riguardo mister Guardiola sono precipitate.

Di ufficiale ancora non c'è nulla, e su Internet i tifosi continuano a discutere su chi siederà sulla panchina della Juve. Lo stesso Guardiola proclama che si trova benissimo con il Manchester City e che vuol restare nel club col quale ha vinto la Premier League. Ma l'accordo è cosa ormai fatta. 

Già ieri il nome dell'allenatore spagnolo aveva acceso l'entusiasmo dei tifosi dopo una stories pubblicata da Miralem Pjanic sul suo profilo Instagram. Il centrocampista bosniaco, immortalando un paesaggio marino, aveva soffermato la camera su una scritta presente in un molo: Joseph. Proprio il nome di battesimo di Guardiola. 

 

La Juventus ha sospeso nella giornata di venerdì 14 giugno i tour dedicati alla visita dell’Allianz Stadium con il relativo passaggio all'interno del museo della squadra. Anche se sul tema la Juventus, contattata dall'Agi, ha precisato che nella giornata si svolgerà un altro importante evento commerciale e che non verranno commentati "rumors legati all’allenatore". 

Anche per la SNAI, nelle ultime ore, Guardiola è il favorito a sedersi sulla panchina bianconera tanto che le quote nelle ultime sono state addirittura sospese. Secondo il sito di scommesse il suo nome supera quelli di Sarri, Pochettino e Inzaghi.

Anche chi lo conosce bene, come Pablo Zabaleta, si è ormai rassegnato alla partenza di Guardiola. Rispondendo ad alcune domande di BelN Sport, il terzino argentino dei citizens ha rivelato la voglia di cambiamento del mister: "Non è un tecnico che desidera restare a lungo nella stessa squadra. È passionale e ha bisogno, ogni 3-4 anni, di nuove sfide. Non so se rimarrà ma sarà sicuramente difficile sostituirlo". I tre anni di Guardiola in Inghilterra si sono chiusi con la vittoria della Premier e l'uscita ai quarti dalla Champions League.  

Nel pomeriggio è arrivata la dichiarazione di Alberto Galassi, avvocato del Manchester City e membro del consiglio d'amministrazione. Intervenuto ai microfoni di Sky Sport, il legale ha rimarcato le dichiarazioni di Guardiola della scorsa settimana: "La volontà dell'allenatore è quella di rimanere, Pep è un professionista eccezionale. Non riesce a comprendere perché la sua parola non venga ascoltata. Sinceramente non comprendiamo per quale motivo un club deve intervenire per spiegare un fatto certo, Guardiola vuole rimanere".

In chiusura di Borsa, infine, la Juventus ha limato lo 0,14% dopo aver condotto gran parte della sessione con un netto rialzo in scia proprio alla notizia del probabile arrivo di Guardiola come prossimo allenatore del club. Le indiscrezioni sul futuro della panchina bianconera avevano fatto lievitare il titolo fino a raggiungere il valore di 1,5140 euro per azione. 

 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it