Juve doma il Toro ma il Napoli resta in scia

Buffon supera record di imbattibilità nel derby vinto 4-1. Higuain trascina gli azzurri

Juve doma il Toro ma il Napoli resta in scia
Juventus, esultanza di Pogba e Cuadrado (Afp) 

Torino - La Juventus in campionato sembra non conoscere ostacoli. Fa suo il derby della Mole battendo il Torino e mettendo al sicuro il risultato dopo aver "festeggiato" Gigi Buffon che scrive un'altra pagina della sua leggenda. L'estremo difensore bianconero stabilisce dopo 22 anni il nuovo record di imbattibilita' per un portiere nel massimo campionato italiano, lasciandosi alle spalle i 929 minuti di Sebastiano Rossi. Pogba e Khedira (espulso nel finale) portano avanti la Juventus, Belotti su rigore interrompe l'imbattibilita' del capitano bianconero a 974 minuti (nuovo record da battere) e il Toro pareggia anche con Maxi Lopez ma Rizzoli annulla attirandosi non poche proteste. Dall'altra parte, poi, una doppietta di Morata segna l'1-4 finale forse un po' troppo pesante per i granata. 

Il Napoli ha risposto 3 ore dopo battendo 3-1 in rimonta il Genoa con doppietta di Gonzalo Higuain (29 gol in 29 partite) e il sigillo finale di El Kaddouri. Vantaggio ligure di Rincon (10'), poi le due giocate del Pipita nella ripresa (6') e (36') hanno ribaltato il risultato. In pieno recupero il guizzo di El Kaddouri per il 3-1 finale. Dopo la sassata di Rincon valutata male da Reina, gli uomini di Sarri, con il pensiero alla Juve avanti di sei punti, non hanno saputo reagire nell'immediato, grazie anche a un superlativo Perin. Poi, nella ripresa, si e' scatenato un Higuain mostruoso. L'argentino prima va a segno su assist di Hysaj in avvio di ripresa, poi spreca il bis, quindi fa tutto da solo a 10' dalla fine, quando i fantasmi della fuga bianconera aleggiavano pesantemente sul San Paolo. Al 91' ci ha messo lo zampino anche El Kaddouri.

Nel posticipo, 1-1 tra Milan e Lazio, Bacca replica a Parolo

Al Matusa, la Fiorentina non va oltre lo 0-0 con il Frosinone facendo segnare il terzo punto in quattro gare. Gara nervosa (coinvolto anche Paulo Sousa alla fine del primo tempo) e tanti legni da una parte e dall'altra ma niente gol. Con questo pareggio i viola riagganciano l'Inter al quarto posto (-5 dalla Roma terza), mentre i ciociari vanno a 27 ed oggi sarebbero retrocessi. Dopo due vittorie ed un pareggio torna a "bloccarsi" la Sampdoria che al Ferraris si fa battere dal Chievo, in gol nel primo tempo con Meggiorini (assist Birsa) e rimane invischiata nella zona calda della graduatoria. Viviano ha tenuto in gara la squadra blucerchiata parando un rigore a Birsa.
Inizia con un pari in casa del Sassuolo e la classifica che si muove (dopo due ko di fila) la nuova avventura di Gigi De Canio sulla panchina dell'Udinese. I friulani vanno anche in vantaggio in avvio con Zapata, poi il pari della squadra di Di Francesco arriva nella ripresa con un colpo di testa di Politano. Il Verona perde probabilmente l'ultima occasione per riagganciare il treno salvezza e si fa battere al Bentegodi dal Carpi che invece aggancia il Palermo. Di Gaudio segna lo 0-1, Ionita pareggia ma Lasagna su punizione capolavoro regala tre punti preziosissimi alla squadra emiliana. (AGI)