BOND NEWS

Poco mosso in mattinata il mercato obbligazionario europeo conl'indice EMTX Global in frazionale ribasso dello 0,06% a 164,66punti, per un rendimento medio in aumento di 1 bps al 4,33%. Incalo anche l'Euro-Bund Futures (FGBL) che registra unaflessione dello 0,17% a quota 121,25 punti. In aumento i Cdsdelle economie periferiche dell'Eurozona tra cui spiccano irialzi del credit default swap a 5 anni di Irlanda e Portogalloentrambi in crescita di 16 bp rispettivamente a 635 bp e 580bp. Crescono i timori legati alla crisi dell'Eurozonarinfocolati in parte dalle indiscrezioni pubblicate dalquotidiano Irish

Poco mosso in mattinata il mercato obbligazionario europeo conl'indice EMTX Global in frazionale ribasso dello 0,06% a 164,66punti, per un rendimento medio in aumento di 1 bps al 4,33%. Incalo anche l'Euro-Bund Futures (FGBL) che registra unaflessione dello 0,17% a quota 121,25 punti. In aumento i Cdsdelle economie periferiche dell'Eurozona tra cui spiccano irialzi del credit default swap a 5 anni di Irlanda e Portogalloentrambi in crescita di 16 bp rispettivamente a 635 bp e 580bp. Crescono i timori legati alla crisi dell'Eurozonarinfocolati in parte dalle indiscrezioni pubblicate dalquotidiano Irish Indipendent secondo cui gli stress test sulsettore bancario nazionale irlandese dovrebbero evidenziarecapitali mancanti per circa 25 miliardi di euro. Secondo ilgiornale sarebbe pronto un piano da parte del governo irlandeseper rafforzare il sistema. Gli esperti di Moody's non hannoescluso possibili nuovi downgrade per i rating dei Paesidell'Eurozona. Secondo gli analisti dell'agenzia le misure allostudio dell'Ue non basteranno a risolvere la crisi del debitodei paesi di Eurolandia sulla cui solvibilita' permangonogrosse incertezze. Il Cds greco e' cresciuto stamani, sempresecondo i dati Markit, di 6 bp a 990 bp mentre quello spagnoloha registrato un aumento di 7 bp a 232 bp. Segno piu' anche peril Cds italiano: +4 bp a 151 bp.Giornata ricca di datimacroeconomici quella odierna.A febbraio le vendite aldettaglio sono scese su base mensile in Germania dello 0,3%. Ildato su base annuale evidenzia una crescita dell'1,1%. InGermania il tasso di disoccupazione scende a marzo al 7,1%. Ildato ha sorpreso gli addetti ai lavori che si aspettavano untasso di disoccupazione al 7,2%. Il numero di disoccupati haevidenziato una flessione nel mese di marzo di 55 mila unita',migliore delle attese degli addetti ai lavori (-25 milaunita').In Italia l'Istat ha comunicato che l'indice grezzo deiprezzi alla produzione ha evidenziato nel mese di febbraio unrialzo dello 0,5% m/m, inferiore alle aspettative deglianalisti (+0,8%). Su base annuale l'indice e' salito del 5,3%(consensus +5,6%). L'Istat ha reso noto che l'indice dei prezzial consumo ha registrato, nel mese di marzo, una crescita dello0,4% m/m, superiore alle stime degli economisti fissate su unincremento dello 0,3%. L'indice su base annuale e' salito del2,5% (consensus +2,4%). In termini armonizzati l'inflazione haevidenziato un progresso del 2% m/m e del 2,6% a/a (consensus+1,6% e +2,2%).Nella Zona Euro Eurostat ha reso noto che lastima flash sull'indice dei prezzi al consumo si e' attestata,nel mese di marzo, al +2,6% rispetto allo stesso mese delloscorso anno (+2,4% a febbraio). Il dato e' risultato superiorealle previsioni degli addetti ai lavori (+2,4%). .