Le donne, l'arme, gli amori di Vittorio Cecchi Gori

Il produttore cinematografico, ex parlamentare ed ex presidente della Fiorentina è ricoverato per un'ischemia. Una vita fatta di passioni, donne ed eccessi

Vittorio Cecchi Gori 

Vittorio Cecchi Gori è in rianimazione al Policlinico Gemelli di Roma per un'ischemia seguita da problemi cardiaci. Il produttore cinematografico, ex parlamentare ed ex presidente della Fiorentina, 75 anni, è stato ricoverato nella tarda mattinata del giorno di Natale. Le sue condizioni sono considerate "serie, ma stabili". Rita Rusic, ex moglie del produttore, e il figlio, Mario Cecchi Gori, sono in arrivo da Miami a Roma.

Chi è Vittorio Cecchi Gori‚Äč

Senatore del Partito popolare italiano per due legislature, nel 2001 si è candidato in Sicilia per l'Ulivo ma non è stato eletto. Nel 2006 si è nuovamente candidato, nel Lazio con il Movimento per l'Autonomia, alleato con la Lega Nord, ma nemmeno in quell'occasione ha ottenuto il seggio.

Nei giorni scorsi Cecchi Gori era apparso in tv, ospite di una trasmissione di Rai1, dove si era parlato di una sua partecipazione alla selezione per essere nel cast della prossima edizione di 'Ballando con le Stelle'. 

Una parabola discendente 

Insieme con il padre Mario, Vittorio Cecchi Gori ha scritto una pagina della storia del cinema italiano, come ricorda il Corriere. Decine di film, dai cinepanettoni di successo al botteghino agli Oscar vinti con Il Postino (migliore colonna sonora) e La vita è bella (tre premi: miglior film straniero, colonna sonora e attore protagonista Roberto Benigni). Un impegno forte anche nello sport con la presidenza della Fiorentina dal 1993 al 2002 (con due Coppe Italia e una Supercoppa italiana).

I problemi economici e giudiziari

Ma dalla fine degli anni Novanta iniziano anche i problemi economici e giudiziari che lo porteranno a perdere gran parte del suo patrimonio e la stessa Fiorentina (dichiarata fallita), oltre che ad affrontare alcuni processi. L’ex produttore era tornato a Firenze solo alcune settimane fa ricevendo un’accoglienza calorosa dai tifosi viola.

Le donne

Vittorio Cecchi Gori è stato sposato con l'attrice Rita Rusic per più di 18 anni. Poi ha avuto una lunga e tormentata relazione con Valeria Marini.

Rita "la jugoslava"

Con Cecchi Gori si sono conosciuti grazie ad Adriano Celentano. "All’epoca facevo tanti lavori, anche la modella. Andavo a mangiare sempre nello stesso ristorante milanese, da sola, frequentato dal segretario di Celentano, che mi aveva notato: cercava una come me per il film 'Asso' di cui era protagonista il cantante con Edwige Fenech. Non pensavo di fare cinema, ma perché no?" ha raccontato al Corriere. Galeotto fu il film, del 1981, prodotto da Cecchi Gori. Dall'unione sono nati due figli: Vittoria e Mario, prima che il matrimonio naufragasse e 'Rita la jugoslava' si trasformasse nella più acerrima avversaria dell'ex marito.

Le altre

Prima dell'altra love story importante, quella con Valeria Marini, Vittorio Cecchi Gori ha avuto diverse relazioni, più o meno impegnative. Le ricorda GQ: con Mara Meis, che gli è restata fedele per ben tre anni, con Filomena Azzarito, ex ballerina, e quella con Daniela Polereckà.   

Valeria Marini

La prima volta, racconta l'attrice nella sua biografia, si incontrano a Palazzo Borghese, mentre lui si sta facendo fare la manicure. E cominciano così sei anni di altissimi e bassissimi, cementati dai problemi giudiziari di lui. 

Al loro tavolo si incrociano personaggi di ogni ambiente: dalla famiglia Letta a Giuseppe Tornatore, da Fausto e Lella Bertinotti a Roberto Benigni e Nicoletta Braschi. Quando il compagno vende a Telecom Tmc1 e Tmc2, lei è contraria: consiglia di trovare un'intesa con il Gruppo Fininvest. "Tutti sostenevano che Vittorio avesse avuto tanti problemi perché si era messo contro Berlusconi, facendogli concorrenza con le tv. Ma la verità è che il Cavaliere è stato uno dei pochi ad averlo aiutato" racconta la soubrette. La coppia tenta anche di avere un figlio, ma la gravidanza non arriva termine, per due volte.

 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it