Flavio Insinna chiede scusa. E' caccia al traditore

Lo sfogo del conduttore di 'Affari Tuoi' trasmesso da Striscia la Notizia

Flavio Insinna chiede scusa. E' caccia al traditore
 Foto di: Maria Laura Antonelli / AGF
 Flavio Insinna (Agf)

Flavio Insinna chiede scusa. "Senza se e senza ma". E lo fa in un lungo post su Facebook in cui cerca di fare chiarezza sulle registrazioni 'rubate' durante riunioni e prove di 'Affari Tuoi', la fortunata trasmissione che conduce su RaiUno.

Si scusa, ma si toglie anche qualche sassolino dalle scarpe, come dare del "traditore" a chi ha passato al 'nemico' quelle registrazioni e parlare di "pornografia televisiva per cercare qualche straccio di punto di ascolto in più".

Cosa dice Insinna nel fuorionda

Il fuorionda era stato trasmesso martedì sera da ‘Striscia la Notizia’ e aveva scatenato un putiferio. Si sente il conduttore aggredire verbalmente i propri autori insultando una concorrente (che definisce “nana di m…”).

Secondo fonti Rai citate dal Corriere della Sera, l’episodio “sarebbe avvenuto in una riunione di redazione, quindi in un contesto privato, con un numero molto limitato di persone che potevano sentire (e, sciaguratamente, registrare) le sue imprecazioni”. Una circostanza che fa dire alla blogger Selvaggia Lucarelli su Facebook: “Ne esce malconcio l’infame (sì, l’infame) che ha registrato di nascosto Insinna e ha mandato quel file non solo a uno che non aspettava altro, ma pure a una rete concorrente, quindi tradendo sia la fiducia di un conduttore (che evidentemente parla in presenza di persone che forse non stima, ma di cui si fida) che quella di un’azienda".

"Insomma - scrive la Lucarelli - io non so chi sia l’infame, ma sia ben chiaro che se pensava di buttare Insinna nel pozzo, è con l’acqua alla gola pure lui. E lo beccheranno”.

Chi vuole il male di Insinna?

Si ventila una possibile motivazione (poi confermata da Striscia) dietro la 'trappola' a Insinna, a due mesi dalla chiusura del programma avvenuta lo scorso marzo. “Pare che qualcuno non abbia gradito per niente il discorso che il conduttore ha fatto qualche settimana fa nel programma di Bianca Berlinguer – scrive Chiara Maffioletti - Quello diventato presto virale, in cui parlava — con estrema calma e buonsenso — di diritti fondamentali, di uguaglianza, di gentilezza. E quindi, dietro il servizio di 'Striscia la notizia' con le sfuriate fuorionda del conduttore di 'Affari tuoi', ci sarebbe il desiderio di una (o più persone), di certo a stretto contatto con Insinna, di rivelare a più gente possibile che il presentatore mite e gentile, in fondo, così mite e gentile non è”. 

Sui social gli utenti si dividono

Lo sfogo di Insinna fa il giro del web e sui social gli uitenti si dividono. C’è chi sta col conduttore e scrive che “il vero schifo non è lo sfogo di Insinna dietro le quinte mentre prepara un programma, ma Striscia che prova a distruggere una carriera”. Altri invece parlano di “carriera finita” per Insinna e commentano: “sarà anche una nana lei, ma tu sei un piccolo uomo”.

Ciò che comunque salta agli occhi, è il fatto che l’attenzione si sposti da Insinna all’autore della registrazione o ai mandanti di quello che alcuni chiamano “atto di bullismo (televisivo)”. E c'è chi invita a puntare l'attenzione "su chi ha dato i fuorionda (che non escono da soli), che magari è ancora in Rai e ride".

Striscia: fuorionda registrato in studio 

Mercoledì sera Striscia la notizia è tornata sui fuorionda spiegando che sono stati tutti registrati in studio, davanti al pubblico, e non durante una riunione di redazione. Poi i conduttori, Ficarra e Picone, hanno spiegato il motivo dell'accanimento: "Dopo il suo intervento a Cartabianca dalla Berlinguer è stato preso a modello da esponenti della sinistra e noi volevamo impedire alla sinistra di fare un altro errore perché Insinna non è il Che, in caso è... il ce fa". Striscia critica anche il direttore di Rai 1, Andrea Fabiano, per un Tweet di solidarietà, poi leggeremente modificato.