Com'è vivere in digitale? Lo racconterà un docufilm 'collettivo'

Vent'anni fa il web cambiava le nostre vite. Il progetto Digitalife illustra come sono oggi

Com'è vivere in digitale? Lo racconterà un docufilm 'collettivo'

Il digitale ha cambiato e sta cambiando la vita di ognuno di noi. E' ormai una banalità, ma come questo mutamento ha inciso realmente nel quotidiano? E' quello che vuole raccontare il progetto del docufilm DigitaLife prodotto da Varese Web con Rai Cinema e Fondazione Ente Dello Spettacolo. Il regista Francesco G. Raganato vuole raccontare con video realizzati dai cittadini che possono essere inviati attraverso il sito www.digitalife.org e sulla piattaforma di Rai Digital www.rai.it/digitalife.

Il progetto è stato presentato a Venezia durante il Festival del cinema e sono già arrivati centinaia di video da diverse parti del mondo. Tante letture "L'intento è quello di creare un film corale il più universale possibile" dice Raganato, "non partendo da assunti assoluti o massimi sistemi, ma raccontando storie sincere, in cui ognuno di noi possa riconoscersi. Tecnicamente mi piace definire questo film come un 'flusso di coscienza collettivo' dove non c'è una corrente dominante che trascina le altre ma ci sono i flussi unici e affini di chi decide di condividere la propria storia con noi. La sensazione che vogliamo far emergere alla fine del film è molto simile quella di un abbraccio, di un abbraccio collettivo, di un gruppo di persone che ha donato le proprie storie per dirci che non siamo soli".

"Sono vent’anni che lavoriamo con le comunità per far crescere un progetto di informazione - racconta Marco Giovannelli, presidente della Varese Web -. DigitaLife è uno sviluppo di questo approccio. Crediamo che il fascino maggiore della cultura digitale sia la partecipazione. La carica innovativa di questo film però non è legato solo al mosaico che verrà realizzato grazie ai video inviati, ma al trattamento dei materiali stessi. Il progetto sarà un lungo racconto corale che accompagnerà tutte le fasi della produzione e post produzione fino all’arrivo in sala. Avremo così una piattaforma dove ogni cittadino potrà esprimere la propria opinione e al tempo stesso esser protagonista di un film che racconterà i cambiamenti con lo sguardo rivolto anche al futuro».

La produzione del docufilm ha trovato come sostenitori come il Fai - Fondo Ambiente Italia, il Parco Nazionale delle Cinque terre, Terre des Hommes, l’associazione europea delle vie Francigene, l’Ordine dei giornalisti, Anso. A cui si sono aggiunti partner come Sea, Eolo, Coop, Tigros, Elmec informatica, Caffè Chicco d’oro, Habitare.

Per rimanere aggiornati, o per entrare a far parte della comunità di DigitaLife sono attivi diversi canali. Oltre al sito, la pagina Facebook, Instagram, Twitter e YouTube.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it