agi live
Con il Covid aumenta il rischio di ammalarsi di diabete

Con il Covid aumenta il rischio di ammalarsi di diabete

A rilevarlo è una ricerca, fatta su quasi 200.000 persone, pubblicato su The Lancet Diabetes & Endocrinology. Per ogni mille persone studiate in ciascun gruppo, a circa 13 persone in più nel gruppo Covid-19 veniva diagnosticato il diabete

covid aumento rischio diabete

© Afp - Analisi dei valori del glucosio per diabete

AGI - Le persone che contraggono il Covid-19 hanno un rischio maggiore di sviluppare il diabete fino a un anno dopo, anche dopo una lieve infezione da SARS-CoV-2, rispetto a coloro che non hanno mai avuto la malattia. A rilevarlo, uno studio robusto su quasi 200.000 persone. La ricerca, pubblicata su The Lancet Diabetes & Endocrinology all’inizio di questo mese, fa parte di un numero crescente di stud2 che dimostrano che Covid-19 "può aumentare il rischio di diabete di una persona, anche mesi dopo l’infezione”.

Quando l’intera pandemia si ritirerà, "rimarremo con l’eredità di questa pandemia, un’eredità di malattie croniche” per la quale i sistemi sanitari non sono preparati, afferma il coautore dello studio Ziyad Al-Aly, ricercatore capo per il Veterans Affairs (VA) Sistema sanitario di St Louis nel Missouri.

I ricercatori hanno esaminato le cartelle cliniche di oltre 180.000 persone sopravvissute per più di un mese dopo aver contratto il Covid-19 e hanno confrontato i dati con i record di due gruppi, ciascuno dei quali comprendeva circa quattro milioni di persone senza infezione da SARS-CoV-2 che avevano utilizzato il sistema sanitario VA, prima o durante la pandemia. 

L’analisi ha rilevato che le persone che avevano avuto Covid-19 avevano circa il 40% in più di probabilità di sviluppare il diabete fino a un anno dopo rispetto ai veterani nei gruppi di controllo. Ciò significava che per ogni 1.000 persone studiate in ciascun gruppo, a circa 13 persone in più nel gruppo Covid-19 veniva diagnosticato il diabete. Quasi tutti i casi rilevati erano soggetti con diabete di tipo 2, con resistenza o non produzione sufficiente di insulina.

 La possibilità di sviluppare il diabete è aumentata con l’aumentare della gravità del Covid-19. Le persone che sono state ricoverate in ospedale o ricoverate in terapia intensiva avevano circa il triplo del rischio rispetto alle persone di controllo che non avevano Covid-19. 

Anche le persone che avevano infezioni lievi e nessun precedente fattore di rischio per il diabete avevano maggiori probabilità di sviluppare la condizione cronica, afferma Al-Aly. Delle persone con Covid-19 che hanno evitato il ricovero, 8 persone in più su 1.000 studiate avevano sviluppato il diabete un anno dopo rispetto alle persone che non erano state infettate.

Le persone con un indice di massa corporea elevato, una misura dell’obesità – e un fattore di rischio considerevole per il diabete di tipo 2 – avevano più del doppio del rischio di sviluppare il diabete dopo un’infezione da SARS-CoV-2. Dato l’incredibile numero di casi di Covid-19 a livello globale – 480 milioni di casi confermati e oltre – il collegamento con il diabete osservato potrebbe corrispondere a un drastico aumento del numero di persone con patologia diabetica in futuro, afferma Jonathan Shaw, epidemiologo del Baker Heart and Diabetes Institute di Melbourne, in Australia. Ma lo studio ha dei limiti, avvertono gli esperti.

Gli anziani statunitensi nello studio erano per lo più uomini bianchi in età avanzata, molti dei quali avevano la pressione sanguigna elevata ed erano in sovrappeso, il che li esponeva ad un alto rischio di sviluppare il diabete, afferma Gideon Meyerowitz-Katz, un epidemiologo che studia il diabete presso l’Università di Wollongong in Australia. Ma quel rischio è molto più basso nei giovani, dice, e più alto in alcuni altri gruppi etnici.

E poi, continuano gli esperti, altri fattori potrebbero anche contribuire all’apparente aumento del diabete tra le persone che si sono riprese da Covid-19, afferma Shaw. I casi esistenti di diabete potrebbero non essere stati rilevati fino a quando le persone non hanno cercato assistenza medica per Covid-19.