Usa: riapre chiesa Charleston "diavolo non ci ferma"

(AGI) - Charleston, 21 giu. - "Nessun diavolo puo' chiudere lenostre porte". Su una lunga omelia del pastore John Gillison,tra lacrime e canti religiosi, la chiesa episcopale diCharleston, a pochi giorni dalla strage provocata dal giovaneDylann Roof che ha provocato la morte di nove persone. Gremitada centinaia di persone la chiesa ha celebrato una cerimoniaforte e solenne, ripresa da tutte le televisioni americane. "Ildiavolo e' riuscito a entrare - ha detto il reverendo - ma,grazie a Dio non ha preso il controllo di voi fedeli e non sie' impadronito della vostra

(AGI) - Charleston, 21 giu. - "Nessun diavolo puo' chiudere lenostre porte". Su una lunga omelia del pastore John Gillison,tra lacrime e canti religiosi, la chiesa episcopale diCharleston, a pochi giorni dalla strage provocata dal giovaneDylann Roof che ha provocato la morte di nove persone. Gremitada centinaia di persone la chiesa ha celebrato una cerimoniaforte e solenne, ripresa da tutte le televisioni americane. "Ildiavolo e' riuscito a entrare - ha detto il reverendo - ma,grazie a Dio non ha preso il controllo di voi fedeli e non sie' impadronito della vostra chiesa". Presente alla cerimoniaanche il governatore del Sud Carolina Nikki Haley a cu moltihanno chiesto di rimuovere la bandiera confederata simbolocontroverso del sud schiavista. Intanto non si fermano letragedie negli sa legate alla detenzione di armi da fuoco. Ierisera a Detroit ci sono stati spari contro una festa all'apertoche si stava svolgendo attorno a un campo di basket che hannoucciso un 21enne e ferito altri sei uomini e tre donne. Nellestesse ore a Philadelphia un uomo ha sparato su una festa diquartiere ferendo sette persone, fra cui tre bambini di 18 mesie di 10 e 13 anni. .