Sicilia: renziani attaccano Crocetta, Pd valuti disimpegno

(AGI) - Palermo, 17 giu. - "Le dichiarazioni rese oggi dalpresidente Crocetta sono un penoso tentativo di scaricare sualtri le colpe dei ballottaggi di domenica scorsa. Buon sensoavrebbe consigliato il silenzio, poiche' i risultati di dueanni e mezzo di governo della Sicilia sono sotto gli occhi ditutti; solo il presidente Crocetta e la sua ristretta cerchiadi collaboratori finge di non vedere". Lo dice il sindaco diSiracusa, l'esponente Pd e renziano di peso Giancarlo Garozzo,per il quale a questo punto la situazione "richiede una serieanalisi politica e investe soprattutto il Pd. Prima

(AGI) - Palermo, 17 giu. - "Le dichiarazioni rese oggi dalpresidente Crocetta sono un penoso tentativo di scaricare sualtri le colpe dei ballottaggi di domenica scorsa. Buon sensoavrebbe consigliato il silenzio, poiche' i risultati di dueanni e mezzo di governo della Sicilia sono sotto gli occhi ditutti; solo il presidente Crocetta e la sua ristretta cerchiadi collaboratori finge di non vedere". Lo dice il sindaco diSiracusa, l'esponente Pd e renziano di peso Giancarlo Garozzo,per il quale a questo punto la situazione "richiede una serieanalisi politica e investe soprattutto il Pd. Prima di valutareipotesi di nuove maggioranze e' giunto il momento di chiedercise sia ancora il caso di sostenere questo governo". Parole chenon appaiono una posizione isolata, ma sembrano interpretare ilmalumore crescente dell'area politica nei confronti delgovernatore che oggi ha attaccato pesantemente Matteo Renzi. Per il sindaco di Siracusa "il messaggio lanciato con ilvoto di domenica e' un segnale per un deciso cambio di passo.Crocetta, che finora ha deluso tutte le aspettative, non sembraesserne all'altezza". Crocetta "ha la presunzione e l'arroganzadi dare patenti di persone per bene a suo piacimento, mafarebbe meglio a guardarsi allo specchio; la stessa analisi delvoto e' strampalata quanto la sua azione di governo, se arrivaa negare la sconfitta di Gela, che nei prossimi cinque annisara' guidata da un sindaco grillino. Ancora piu' patetico e'il tentativo di accollare il dato elettorale ai renziani e algoverno nazionale". Il governatore di e' definito "rottamatoreante litteram", ma per Garozzo, "di novita' alla Regione neabbiamo viste ben poche, sia nelle politiche che negli uominimessi a guidare la macchina amministrativa". (AGI)