La Croazia chiude tutti i valichi. La Slovenia ferma i treni

(AGI) - Zagabria, 18 set. - La Croazia avrebbe chiuso tutti eotto i valichi di frontiera con la Serbia per impedire ilpassaggio dei rifugiati, secondo quanto scrive l'agenzia distampa nazionale di Belgrado Tanjug. La notizia non e' stataconfermata dalle autorita' di Zagabria che hanno ufficialmenteannunciato la chiusura di 7 valichi di frontiera su otto "finoa ulteriori comunicazioni". La Slovenia ha deciso di fermare il traffico ferroviariodalla Croazia. La decisione e' scattata dopo il fermo di 150migranti a Dobova, provenienti dalla Croazia. "Al momento -afferma la polizia slovena - il traffico passeggeri

(AGI) - Zagabria, 18 set. - La Croazia avrebbe chiuso tutti eotto i valichi di frontiera con la Serbia per impedire ilpassaggio dei rifugiati, secondo quanto scrive l'agenzia distampa nazionale di Belgrado Tanjug. La notizia non e' stataconfermata dalle autorita' di Zagabria che hanno ufficialmenteannunciato la chiusura di 7 valichi di frontiera su otto "finoa ulteriori comunicazioni". La Slovenia ha deciso di fermare il traffico ferroviariodalla Croazia. La decisione e' scattata dopo il fermo di 150migranti a Dobova, provenienti dalla Croazia. "Al momento -afferma la polizia slovena - il traffico passeggeri non e'operativo". La Repubblica Ceca, invece, si dice pronta ad aiutare irifugiati ma conferma la sua contrarieta' al piano didistribuzione dei migranti nell'Ue secondo quote obbigatorie,come proposto dalla Commissione europea. Lo ha detto il primoministro Bohuslav Sobotka al quotidiano economico HospodarskeNoviny in edicola oggi. "Ci sara' una pausa durante l'inverno- ha osservato Sobotka - ma poi partira' una nuova ondata" dirifugiati verso l'Ue. "Centinaia di migliaia di rifugiati sonoin moto e una delle ragioni per cui abbiamo rifiutato le quote- ha spiegato - e' che non si finisca con l'approvazione diuna soluzione burocratica per poi dire che e' stato tuttorisolto". Il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, haorganizzato un summit straordinario sull'emergenza migranti permercoledi' prossimo. "Siamo pronti ad aiutar migliaia dirifugiati - ha affermato il premier Sobotka - ma i numeri nonhanno senso. Speriamo che il summit venga incentrato sullasostanza, cioe' a dire su quello che sta succedendo neiquartieri dell'Europa". (AGI).