Euro2016: Conte, "Croazia forte, abbiamo preparato bene gara"

(AGI) - Spalato, 11 giu. - "Croazia-Italia e' sicuramente unapartita tra le due squadre del girone accreditate ad accederealla fase finale, poi c'e' il terzo incomodo che e' laNorvegia". Cosi' il ct della Nazionale, Antonio Conte, aimicrofoni di Sky Sport 24 e alla vigilia del match di domani aSpalato, valido per le qualificazioni agli Europei del 2016."Affronteremo una squadra molto forte, la Croazia ha gia'dimostrato il suo valore a San Siro nella gara d'andata, quelladi San Siro, in una partita in cui poteva accadere di tutto,potevano vincere loro, potevamo farlo noi

(AGI) - Spalato, 11 giu. - "Croazia-Italia e' sicuramente unapartita tra le due squadre del girone accreditate ad accederealla fase finale, poi c'e' il terzo incomodo che e' laNorvegia". Cosi' il ct della Nazionale, Antonio Conte, aimicrofoni di Sky Sport 24 e alla vigilia del match di domani aSpalato, valido per le qualificazioni agli Europei del 2016."Affronteremo una squadra molto forte, la Croazia ha gia'dimostrato il suo valore a San Siro nella gara d'andata, quelladi San Siro, in una partita in cui poteva accadere di tutto,potevano vincere loro, potevamo farlo noi e alla fine abbiamopareggiato", ricorda Conte che in questa settimana di lavoro haavuto diversi problemi tra defezioni e infortuni. "Barzagli eZaza praticamente non li ho mai avuti, quindi non hanno incisosul lavoro che abbiamo fatto a Coverciano - spiega Conte -L'unico calciatore che ha avuto problemi in questi giorni e'stato Verratti, poi oggi durante l'allenamento di questamattina De Rossi ha preso una botta al ginocchio, ma siamo intanti e abbiamo preparato la partita nella maniera giusta".Domani l'Italia dovrebbe proporre un 4-3-3 e non il 3-5-2 cheil ct ha utilizzato nelle ultime partite. "I discorsi suimoduli li fate voi giornalisti - sorride Conte -, ma in realta'contano i principi di gioco, non se si gioca con il 3-5-2, il4-4-2 o il 4-3-3. L'allenatore deve cercare di mettere imigliori in campo e adattarsi alle caratteristiche deicalciatori". Domani scenderanno in campo alcuni juventinireduci dalla cocente delusione di Berlino, ma Conte non e'preoccupato ed e' convinto che i vari Buffon, Bonucci,Marchisio e Pirlo avranno le motivazioni giuste. "Hannorecuperato, sono forti, hanno una grande mentalita', hannoarchiviato l'ultima partita e si stanno concentrando su questagara che e' molto importante per noi", assicura Conte che almomento non vuole porsi il problema del futuro azzurro diPirlo, in caso di partenza per campionati esteri del registabianconero. "Vedremo quando e se succedera', poi affronteremola situazione". Si gioca a porte chiuse e per i croatil'assenza dei tifosi e' un grande vantaggio per l'Italia."Allafine sara' un vantaggio per chi avra' giocato meglio e avra'fatto risultato - conclude Conte riferendosi alle porte chiuse-, secondo me lo stadio vuoto penalizza entrambe le squadre, cisara' silenzio e l'aspetto positivo e' che i calciatoripotranno sentire meglio gli allenatori". .