Processo Catania Calcio: Confconsumatori ammessa parte civile

(Confconsumatori) - Il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Catania, Dott.ssa Cercone, ha ammesso la costituzione di parte civile di Confconsumatori nei confronti delle persone imputate nel processo penale sullo scandalo del Catania Calcio. 
Con un’ordinanza letta in udienza, questa mattina, il Giudice ha osservato che, tra le finalità indicate nello statuto dell'associazione, all'art. 2, è previsto che la Confconsumatori si propone come scopo esclusivo, la rappresentanza e la tutela dei consumatori intesi anche come utenti di servizi pubblici e privati, categoria in cui indubbiamente rientrano gli spettatori degli eventi sportivi acquirenti a titolo oneroso dei relativi biglietti ed abbonamenti. Il Giudice, altresì, ha osservato che Confconsumatori è iscritta nell'apposito elenco previsto dal Codice del Consumo ed ha una propria articolazione territoriale in quasi tutte le regioni italiane, tra cui la Sicilia, ivi compresa Catania, sede regionale dell'associazione sin dal 2002.
Confconsumatori esprime soddisfazione per il secondo provvedimento in materia ottenuto in Italia. Infatti, l'unico precedente in Italia è stato ottenuto proprio da Confconsumatori innanzi al Tribunale di Bari, dove l'associazione, prima è stata ammessa come parte civile e, successivamente, ha ottenuto il riconoscimento del diritto al risarcimento da parte degli imputati condannati, con la concessione di una provvisionale.
“Ancora un importante riconoscimento del lavoro che Confconsumatori svolge in Sicilia, con un altra ammissione come parte civile in un processo penale. Provvedimenti come questi sono importanti perché i diritti dei consumatori devono essere difesi, non solo nei giudizi civili, ma anche in quelli penali.” ha dichiarato l’avv. Carmelo Calì, Presidente di Confconsumatori Sicilia.