Iva: anche solo parlare di aumenti, e' fatto demenziale

Anche se fossero semplici voci, quelle relative alle modifiche delle percentuali IVA, non ci piacciono proprio per nulla, anche a fronte dell'ultima esperienza dell'aumento IVA dal 21 al 22%.

Ipotesi contrastata da tutti i gruppi parlamentari che ben presto, poi, e' diventata realta', ottenendo effetti deleteri sia per l'aumento di prezzi e tariffe e sia ribadendo un'ulteriore contrazione dei consumi.

Le ultime notizie parlano di rincaro della quota agevolata dal 4% al 10%, e che riguarderebbe beni importanti, quali quelli alimentari e quelli delicatissimi in campo sanitario.

Infatti, se tutto questo diventasse realta' significherebbe un rincaro su beni di prima necessita', come pane, latte, riso, pasta e farina, formaggi, olio, burro, patate, frutta, libri, giornali, riviste, occhiali e attrezzature terapeutiche.  Questa ipotesi, che non vorremmo mai vedere realizzata, ci irrita notevolmente - "sarebbe davvero una cosa demenziale, perche' come al solito, a pagarne  le spese sarebbero soprattutto le famiglie meno abbienti"- dichiarano Rosario Trefiletti e Elio Lannutti.

L'Italia e' gia' in deflazione in grandissima crisi, la cui economia e' stretta tra il calo della produzione industriale ed il tracollo dei consumi.

I consumi, in generale, sono in forte ribasso: basti pensare che nell'ultimo triennio hanno registrato un calo del -10,7%, percentuale che equivale a un calo della spesa di 77,6 miliardi di Euro.

Calo che oltre a creare malessere per le famiglie, si ripercuote in maniera negativa sull'andamento della produzione e sull'occupazione, giunta oramai a livelli insopportabili, soprattutto quella giovanile al 44%.

Ancora piu' drammatici i dati relativi a due comparti chiave per comprendere la difficolta' ed il disagio vissuto dalle famiglie: secondo i dati dell'O.N.F. - Osservatorio Nazionale Federconsumatori, dal 2008 ad oggi i consumi nel settore alimentare hanno registrato una contrazione del -10,4, pari ad una caduta della spesa delle famiglie di oltre 14,2 miliardi di Euro e gravissimo quello del comparto della salute pari a -23,1%.

Abbiamo inoltre calcolato che questo rovinoso aumento dell'IVA, dal 4% al 10%, avrebbe per una famiglia media italiana una ricaduta economica di 205 Euro annui che graverebbero su un gia' infimo potere d'acquisto delle famiglie.

18 settembre 2014