Energia: i cittadini indignati protestano per gli aumenti illegittimi dovute al cattivo dispacciamento

(Federconsumatori e Adusbef) - Chiederemo non solo il rimborso, ma anche un congruo risarcimento per le famiglie.

Stiamo ricevendo migliaia di proteste e lamentele dai cittadini per l'aumento delle bollette dell'energia, in particolar modo per quanto riguarda l'energia elettrica. I cittadini hanno tutte le ragioni per indignarsi.

Si tratta di una questione gravissima, che abbiamo già fatto presente all'Autorità per l'Energia: non ci riferiamo solo alle ricadute sul costo delle bollette, che sarà pari (solo per l'elettricità) a circa 29 Euro annui, ma anche e soprattutto al funzionamento anomalo del sistema di dispacciamento, già denunciato dalla stessa Autorità, che può far pensare ad un abuso di posizione dominante. Una speculazione fuori controllo che pesa in maniera onerosa sulle tasche dei cittadini e delle imprese.

Chiediamo formalmente all'Authority dell'Energia e all'Antitrust, vista l'apertura dell'indagine, di sospendere l'applicazione dell'aumento del 3,3% dovuto alle disfunzioni ed alla eventuale speculazione in atto dall'inizio dell'anno. 

Se, malauguratamente, tale incremento dovesse essere applicato, una volta verificata la totale infondatezza, non ci limiteremo a chiedere il rimborso di quanto pagato in più in maniera totalmente illegittima dalle famiglie, ma esigeremo un legittimo e congruo risarcimento per i cittadini consumatori.