Corruzione tv: nell'indagine della procura di roma con 44 indagati 

TRA RAI, MEDIASET, LA 7, ADUSBEF CHE HA PRESENTATO TANTE DENUNCE, CHIEDERA' COSTITUZIONE  PARTE CIVILE AL PROCESSO

Nell'inchiesta della Procura di Roma coordinata dal pm Paolo Ielo, con 44 indagati tra Rai, Mediaset, La 7 ed Infront (societa' che gestisce i diritti Tv della Serie A di calcio nonche' il lato commerciale di Fgci e di diverse squadre), che sta scoperchiando l'ennesima piaga della corruzione, che vede l'Italia ai primi posti nelle classifiche internazionali, Adusbef che ha presentato tante denunce alle Procure ed alla Corte dei Conti, chiedera' la costituzione di parte civile al processo.

   Secondo quanto accertato dal nucleo di polizia tributaria delle Fiamme Gialle, su delega del pm della Procura di Roma Paolo Ielo, alcune societa' dell'imprenditore David Biancifiori avrebbero ottenuto l'affidamento di lavori e servizi versando ai committenti denaro o altre utilita' come vacanze, biglietti aerei e assunzioni, fondi 'neri'  realizzati tramite sovrafatturazioni dei lavori eseguiti.

   Adusbef, che  ha presentato dai primi anni duemila numerose denunce alle Procure della Repubblica ed alla Corte dei Conti per danno erariale anche nella gestione degli appalti, auspica che vengano presto accertate tutte le responsabilita', in particolare sulla gestione dell'azienda pubblica Rai, finanziata dal canone dei cittadini, che ricevono in cambio una informazione edulcorata e parziale, per non disturbare i 'padrini politici' ed i Governi.

Roma, 17 giugno 2015



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it