Sanita: duecento cardiologi a confronto per 'Perugia il Cuore'

(AGI) - Perugia, 15 giu. - Duecento cardiologi dei piu'importanti centri italiani ed europei  parteciperanno dagiovedi' 18 a sabato 20 giugno nell'Aula Magna dell'Universita'degli Studi di Perugia  ad un convegno organizzato da ClaudioCavallini, direttore della s.c. di cardiologia del S. Mariadella Misericordia. "'Perugia il Cuore e' diventato unappuntamento in grado di offrire a tutti  agli operatorisanitari una occasione importante di  aggiornamento completosulle principali tematiche cardiologiche - commenta Cavallini-. L'obbiettivo che ci prefiggiamo e' quello di comunicare a cittadini e  mondo scientifico la qualita' e l'imponenteattivita' assistenziale  della cardiologia perugina". Nel 2014 i ricoveri

(AGI) - Perugia, 15 giu. - Duecento cardiologi dei piu'importanti centri italiani ed europei  parteciperanno dagiovedi' 18 a sabato 20 giugno nell'Aula Magna dell'Universita'degli Studi di Perugia  ad un convegno organizzato da ClaudioCavallini, direttore della s.c. di cardiologia del S. Mariadella Misericordia. "'Perugia il Cuore e' diventato unappuntamento in grado di offrire a tutti  agli operatorisanitari una occasione importante di  aggiornamento completosulle principali tematiche cardiologiche - commenta Cavallini-. L'obbiettivo che ci prefiggiamo e' quello di comunicare a cittadini e  mondo scientifico la qualita' e l'imponenteattivita' assistenziale  della cardiologia perugina". Nel 2014 i ricoveri sono stati  3200, con 1200 angioplastichecoronariche, di cui 350 in pazienti con infarto acuto; sonosolo  alcuni  dei dati  che contribuiscono a posizionare lacardiologia dell'Azienda Ospedaliera di Perugia ai primi postidelle graduatorie dell'Agenas (Agenzia Nazionale per i servizisanitari Regionali). Nelle diverse sessioni del convegno gli esperti  discuteranno sulle potenzialita' terapeutiche  deifarmaci di recente introduzione  e delle  nuove e piu'avanzate  tecnologie utilizzate nel trattamento delleprincipali patologie cardiovascolari. "Il congresso non e'rivolto solo a cardiologi, ma anche ad internisti, medici difamiglia e a chiunque e' chiamato a gestire  il follow-up dipazienti cardiopatici - sottolinea Cavallini- . Abbiamo ancheorganizzato sessioni specificatamente rivolte al  personaleinfermieristico e tecnico, il cui aggiornamento rappresenta lacondizione indispensabile per una   continua crescitaprofessionale della  struttura di cardiologia".(AGI)Pg2/Mav

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it