Regioni: Umbria, Duca referente sanitario grandi emergenze

(AGI) - Perugia, 15 set. - Emilio Duca, direttore per lepolitiche della salute e coesione sociale della Regione Umbria,e' stato nominato, su proposta dell'assessore Luca Barberini,'Referente sanitario regionale per le grandi emergenze'. Lo hadeciso la Giunta regionale nella sua ultima seduta. "Con questanomina - ha affermato Barberini - abbiamo colmato un vuoto inun settore molto delicato ed importante individuando una figurache, non solo nel caso di un evento calamitoso naturale, maanche, per esempio, nel caso di una emergenza infettiva digrande portata, sia in grado di assumere decisioni econtemporaneamente di rispondere

(AGI) - Perugia, 15 set. - Emilio Duca, direttore per lepolitiche della salute e coesione sociale della Regione Umbria,e' stato nominato, su proposta dell'assessore Luca Barberini,'Referente sanitario regionale per le grandi emergenze'. Lo hadeciso la Giunta regionale nella sua ultima seduta. "Con questanomina - ha affermato Barberini - abbiamo colmato un vuoto inun settore molto delicato ed importante individuando una figurache, non solo nel caso di un evento calamitoso naturale, maanche, per esempio, nel caso di una emergenza infettiva digrande portata, sia in grado di assumere decisioni econtemporaneamente di rispondere ad una organizzazionemultisettoriale ed eventualmente sovra-aziendale. In Umbria damolto tempo e' attivo, grazie all'importante knowhow sviluppatodalla Protezione Civile dopo il terremoto del 1997, un vero eproprio sistema integrato della Protezione Civile, per il cuipotenziamento e' stato siglato, proprio nel gennaio diquest'anno, un protocollo di intesa tra Regione e Prefetture diPerugia e Terni. In base ad esso, Stato, Prefetture e Regione,nel rispetto delle competenze di ciascuno, si impegnano apromuovere, incrementare ed attuare una reciproca sinergianelle attivita' di protezione civile favorendo, in particolare,il coordinamento operativo nell'attivita' di gestione delleemergenze. E nello stesso tempo ormai tutti i Comuni umbri sisono dotati di un piano di emergenza". "A fronte di tutto cio'pero', - ha chiarito l'assessore - sebbene ormai da anni siastata costituita la Centrale operativa unica per il 118 suscala regionale e ogni ospedale della retedell'emergenza-urgenza si sia dotato di un proprio piano dirisposta ad eventuali emergenze, che comportino un incrementostraordinario del numero di ricoveri, mancava una reteoperativa di sanita' pubblica, pronta ad intervenire in manieratempestiva e coordinata non solo per dare risposta alla primaemergenza, ma anche per mantenere funzionanti i servizi diassistenza essenziali e per garantire un livello appropriato dicomunicazione verso la popolazione. Il referente sanitarioregionale avra' cosi' il compito, sia in caso di emergenze diprotezione civile, oltre che nelle attivita' di pianificazione,di garantire il pieno supporto del Servizio Sanitario regionaleal Servizio Nazionale della Protezione Civile nelle attivita'di soccorso sanitario urgente.(AGI)Pg2/Mav