Regioni: diminuiscono detenuti in Umbria, la relazione del garante

(AGI) - Perugia, 12 ott. ? Dal primo giugno 2014 al 28 febbraio2015 la popolazione penitenziaria nei quattro istituti dellaregione Umbria e' diminuita di 220 unita', transitando da 1563a 1334 detenuti, a fronte di una capienza regolamentare di 1324posti. Dei 1324 detenuti 1033 sono definitivi e 310 in custodiacautelare. Gli stranieri sono 386, 41 le donne e 6 isemiliberi. E' quanto emerge dalla relazione del 'Garante dellepersone sottoposte a misure restrittive o limitative dellaliberta' personale della Regione Umbria', figura di garanziaistituita con legge regionale '13/2006', successivamentemodificata con legge '11/2015', pubblicata

(AGI) - Perugia, 12 ott. ? Dal primo giugno 2014 al 28 febbraio2015 la popolazione penitenziaria nei quattro istituti dellaregione Umbria e' diminuita di 220 unita', transitando da 1563a 1334 detenuti, a fronte di una capienza regolamentare di 1324posti. Dei 1324 detenuti 1033 sono definitivi e 310 in custodiacautelare. Gli stranieri sono 386, 41 le donne e 6 isemiliberi. E' quanto emerge dalla relazione del 'Garante dellepersone sottoposte a misure restrittive o limitative dellaliberta' personale della Regione Umbria', figura di garanziaistituita con legge regionale '13/2006', successivamentemodificata con legge '11/2015', pubblicata sul sitoistituzionale dell'Assemblea legislativa. Il documento,trasmesso alla terza commissione consiliare il 2 ottobrescorso, illustra l'attivita' e i risultati conseguiti nell'anno2014 dall'Ufficio del Garante, per la cui funzione e' statonominato il professor Carlo Fiorio. I destinatari di taleattivita' di garanzia sono le persone presenti negli istitutipenitenziari umbri, quelle in esecuzione penale, le personesottoposte a misure cautelari personali, le persone in stato diarresto ovvero di fermo, nonche' le persone presenti nellestrutture sanitarie. Oggetto della relazione sono dunque leproblematiche della popolazione penitenziaria umbra. Larelazione, dopo essere stata esaminata dalla terza commissione,sara' posta all'ordine del giorno dell'Assemblealegislativa.(AGI)Pg1/Sep