Regione: Umbria, al via progetto rilancio settore olivicolo

(AGI) - Perugia, 5 dic. - La Regione Umbria da avvio ad un'Progetto speciale per il settore olivicolo-oleario',analogamente a quanto gia' fatto per la competitivita' e lapromocommercializzazione del vino umbro, che fara' perno sullaqualita' delle produzioni umbre e sulla qualita' ambientale.L'assessore regionale all'agricoltura, Fernanda Cecchini, hapresentato stamani il progetto recentemente approvato dallaGiunta regionale per il rilancio del settore nel corso di unariunione alla quale sono stati invitati a partecipare tutti isoggetti che saranno coinvolti nel progetto: rappresentantidelle organizzazioni agricole, dei produttori biologici,Universita' di Perugia, Consorzio di tutela dell'olio Dop

(AGI) - Perugia, 5 dic. - La Regione Umbria da avvio ad un'Progetto speciale per il settore olivicolo-oleario',analogamente a quanto gia' fatto per la competitivita' e lapromocommercializzazione del vino umbro, che fara' perno sullaqualita' delle produzioni umbre e sulla qualita' ambientale.L'assessore regionale all'agricoltura, Fernanda Cecchini, hapresentato stamani il progetto recentemente approvato dallaGiunta regionale per il rilancio del settore nel corso di unariunione alla quale sono stati invitati a partecipare tutti isoggetti che saranno coinvolti nel progetto: rappresentantidelle organizzazioni agricole, dei produttori biologici,Universita' di Perugia, Consorzio di tutela dell'olio DopUmbria, Parco Tecnologico Agroalimentare 3A, Citta' dell'Olio,Strada dell'olio Dop Umbria, Centro di ricerca perl'olivicoltura e l'industria olearia - sezione di Spoleto,Confindustria Umbria, Unioncamere Centro Estero Umbria. "Questoprogetto - ha tenuto a sottolineare l'assessore - non nascedalla situazione contingente di quest'annata oleariaparticolarmente difficile, che si chiude con un grave deficitproduttivo in Umbria come in altre regioni d'Italia: su questeproblematiche continueremo a intervenire, anche presso ilMinistero dell'agricoltura, per dare risposte efficaci sia intermini di risarcimento dei danni sia di prevenzione. Ilprogetto per il settore olivicolo-oleario si inserisce nellapolitica di programmazione che abbiamo portato avanti in questianni e che si e' tradotta in strumenti importanti perrafforzare l'agricoltura umbra quali il Piano zootecnicoregionale, il Progetto speciale per il vino, la nuova leggeregionale sugli agriturismi". Il Progetto dovra' individuare ipunti di forza e di debolezza, gli scenari evolutivi, gliobiettivi strategici, i possibili interventi attuativi asostegno della competitivita' e della promo-commercializzazionedell'intera filiera produttiva. "Vogliamo innanzituttorealizzare un'analisi del contesto produttivo del settoreolivicolo, che rappresenta una delle filiere piu' importantidel sistema agroalimentare regionale - ha detto l'assessoreCecchini -. L'Umbria, in cui ci sono oltre 30mila ettari diuliveti, contribuisce alla produzione nazionale di olio dipressione per circa l'1,5 per cento, ma insieme alla Toscana e'sede delle piu' grandi imprese di trasformazione. E la nostraregione e' la sola ad avere un'unica Dop regionale, divisa incinque sottozone. Produciamo un olio di qualita', maaltrettanto importante e' il valore ambientale: gli ulivetirappresentano un forte elemento identitario del nostroterritorio, imprescindibile".(AGI)Pg2/Mav