Truffe: Congegni da 007 per passare l'esame di guida

(AGI) - Firenze, 26 giu. - Utilizzando telecamere, microspie ealtri sofisticati congegni tecnologici aiutavano i canditati apassare l'esame teorico per prendere la patente. A scoprirel'ingegnosa truffa sono stati gli uomini della poliziagiudiziaria del Compartimento Polizia Stradale della Toscanache ieri pomeriggio hanno denunciato un cittadino pakistano di34 anni ed una cittadina cinese di 33. Gli agenti li hannosorpresi in via Pratese, proprio fuori dall'edificio dellaMotorizzazione civile di Firenze, mentre erano in "collegamentoradio" con una terza persona al momento rimasta ignota ma chein quel momento stava sostenendo insieme ad altri cinquantacandidati

(AGI) - Firenze, 26 giu. - Utilizzando telecamere, microspie ealtri sofisticati congegni tecnologici aiutavano i canditati apassare l'esame teorico per prendere la patente. A scoprirel'ingegnosa truffa sono stati gli uomini della poliziagiudiziaria del Compartimento Polizia Stradale della Toscanache ieri pomeriggio hanno denunciato un cittadino pakistano di34 anni ed una cittadina cinese di 33. Gli agenti li hannosorpresi in via Pratese, proprio fuori dall'edificio dellaMotorizzazione civile di Firenze, mentre erano in "collegamentoradio" con una terza persona al momento rimasta ignota ma chein quel momento stava sostenendo insieme ad altri cinquantacandidati gli esami per prendere la patente di guida. Secondoquanto ricostruito dagli inquirenti, come in altri casianaloghi, l'aspirante automobilista e' un cittadinoextracomunitario che non avendo molta dimestichezza con lalingua italiana necessita di un'interprete. Nella vicenda diieri, questo ruolo era rivestito dalla traduttrice cinese che,munita di auricolare, suggeriva le risposte esatte alle domandedei quiz ripresi con una microcamere cucita addosso alcandidato. Il cittadino pakistano, residente nel bresciano, e'invece ritenuto l'organizzatore del tecnologico raggiro. L'uomosarebbe stato infatti gia' fermato in passato in altre citta'italiane nell'ambito di medesime circostanze durante le qualile forze dell'ordine lo hanno trovato sempre in compagnia diragazze cinesi e ucraine. La Polizia Stradale continua le sueindagini sia per individuare il candidato che ieri avrebbecomprato, dietro compenso, il servizio dei due indagati, siaper identificare altri eventuali componenti della banda chealtri "clienti". (AGI)Sep