Sicilia: decolla 'Patto' Pd-Udc-Ncd, rinviato ingresso in Giunta

(AGI) - Palermo, 18 set. - Decolla il 'Patto per le riforme'.Una "intesa politica" che non e' ancora l'ingresso nel governoCrocetta dell'Ncd, auspicato sin da ora da settori alfaniani (eda altri fortemente avversato) e del Pd, ma che appare unadecisa virata in questa direzione. E' quanto emerso dal verticetra i dirigenti siciliani del Partito democratico, dell'Udc edel Nuovo centrodestra. Risanamento finanziario, gestione dellaspesa comunitaria, riforma della burocrazia e semplificazioneamministrativa, politiche sociali e welfare, servizi pubblicilocali: sono i punti principali di un "programma di riformestrutturali condivise" da portare avanti all'Ars. L'incontro,

(AGI) - Palermo, 18 set. - Decolla il 'Patto per le riforme'.Una "intesa politica" che non e' ancora l'ingresso nel governoCrocetta dell'Ncd, auspicato sin da ora da settori alfaniani (eda altri fortemente avversato) e del Pd, ma che appare unadecisa virata in questa direzione. E' quanto emerso dal verticetra i dirigenti siciliani del Partito democratico, dell'Udc edel Nuovo centrodestra. Risanamento finanziario, gestione dellaspesa comunitaria, riforma della burocrazia e semplificazioneamministrativa, politiche sociali e welfare, servizi pubblicilocali: sono i punti principali di un "programma di riformestrutturali condivise" da portare avanti all'Ars. L'incontro,che si e' tenuto in un albergo di Palermo, ha avviato, dunque,un 'patto politico per le riforme' che ha l'obiettivodichiarato di "armonizzare il quadro politico siciliano conquello nazionale, per un positivo rapporto tra la Sicilia e loStato". Si battezza, quindi, una "intesa politica" di"consultazione permanente" sui problemi della Sicilia e per "unproficuo rapporto di collaborazione fra la Regione e il governonazionale, a partire dalle prossime leggi finanziarie regionalie nazionali". Durante l'incontro non si e' discussodell'assetto della giunta regionale. Il tema potrebbe essereall'ordine del giorno tra fine anno e l'inizio del 2016, quandoil 'fidanzamento' con l'Ncd, potrebbe essere sancito, tirandola volata per le regionali del 2017. Appena tre giorni fa, ilcapogruppo del Pd all'Ars Antonello Cracolici aveva spiegatoche "si apre la possibilita' di costruire un progetto dicoalizione che ha l'ambizione di stabilizzare il rapporto trala politica siciliana e quella nazionale". Non e' un caso che ivertici di Udc e Ndc abbiano formalizzato un passaggio ritenutopropedeutico a questo progetto: l'avvio della costituzione diun intergruppo parlamentare 'Udc-Ncd per Area popolare',funzionale alla successiva costituzione di un gruppo unicoall'Ars, cosi' come, viene sottolineato, "positivamentesperimentato al Parlamento nazionale": un percorso finalizzato"alla nascita di una formazione che possa rafforzare larappresentanza politica dei moderati". (AGI).