Sicilia: Ance "inutile rimpasto, azzerare e commissariare Regione"

(AGI) - Palermo, 13 ott. - "Ci troviamo in una situazione incui dire impantanati e' poco, una situazione tragica dovemancano i soldi, le idee e la progettualita' e i fondi dellaComunita' europea e Por sono fermi. Siamo scoraggiati, laRegione sa cosa dovrebbe fare, ma ormai siamo a un punto di nonritorno. Nella situazione in cui ci troviamo oggi un cambio e'poco, forse si dovrebbe azzerare tutto e ripartire da zero o,come ha gia' detto qualcuno, di commissariare la Regione".Cosi' a Palermo Fabio Sanfratello, presidente di Ance Palermo,a margine degli Stati generali

(AGI) - Palermo, 13 ott. - "Ci troviamo in una situazione incui dire impantanati e' poco, una situazione tragica dovemancano i soldi, le idee e la progettualita' e i fondi dellaComunita' europea e Por sono fermi. Siamo scoraggiati, laRegione sa cosa dovrebbe fare, ma ormai siamo a un punto di nonritorno. Nella situazione in cui ci troviamo oggi un cambio e'poco, forse si dovrebbe azzerare tutto e ripartire da zero o,come ha gia' detto qualcuno, di commissariare la Regione".Cosi' a Palermo Fabio Sanfratello, presidente di Ance Palermo,a margine degli Stati generali dell'edilizia nel Sud Italia,"Costruiamo insieme la ripresa del Mezzogiorno", riguardol'operato della Regione. Un giudizio molto duro, che riflette icontenuti dell'esposto che Ance Sicilia alcuni giorni fa hapresentato alla Corte dei Conti contro l'amministrazioneregionale per un "uso distorto dei fondi pubblici". "La nostrainiziativa -ha detto riferendosi ai contenuti dell'esposto-nasce dal desiderio che questi fondi vengano impiegati perl'uso per i quali sono stati concepiti, visto che piu' di unavolta tutti i fondi destinati all'edilizia e alleinfrastrutture sono stati spostati per usi diversi da quellioriginari: per foraggiare forestali e precari. L'Ance conquesto atto vuole dire una volta e per sempre che questocomportamento non e' piu' accettabile. Ora la Regione hapersino bloccato completamente la spesa e anche quelle pocheaziende che avevano vinto qualche appalto si sono dovutefermare. Siamo al punto che qualsiasi banca di livellonazionale non anticipa le fatture della Regione perche' non sifidano. Siamo a un punto di non ritorno -ha concluso- e laRegione e Ars non fanno nulla". (AGI).