Gazzarra in commissariato a Palermo, arrestati familiari indagato

(AGI) - Palermo, 11 giu. - I familiari di un ricercato,sospettato del furto di una Smart, hanno scatenato a Palermouna gazzarra negli uffici del commissariato di polizia SanLorenzo poco dopo che gli agenti si erano recati nel lorodomicilio del quartiere Zen, sospettando che vi si nascondessel'indagato. Tre persone sono state per violenza, minaccia eresistenza a pubblico ufficiale. Si tratta di una donna di 43anni, e di Salvatore D'Autilia, 23 anni e Mariano Lo Iacono, 25anni, che sono stati anche denunciati, assieme ad altri dueuomini e una donna, per oltraggio a pubblico

(AGI) - Palermo, 11 giu. - I familiari di un ricercato,sospettato del furto di una Smart, hanno scatenato a Palermouna gazzarra negli uffici del commissariato di polizia SanLorenzo poco dopo che gli agenti si erano recati nel lorodomicilio del quartiere Zen, sospettando che vi si nascondessel'indagato. Tre persone sono state per violenza, minaccia eresistenza a pubblico ufficiale. Si tratta di una donna di 43anni, e di Salvatore D'Autilia, 23 anni e Mariano Lo Iacono, 25anni, che sono stati anche denunciati, assieme ad altri dueuomini e una donna, per oltraggio a pubblico ufficiale, rifiutod'indicazione sulle proprie generalita' e interruzione dipubblico servizio. Tutti sono componenti di uno stesso nucleofamiliare e imparentati con un giovane che la polizia tenta dirintracciare dal 7 giugno scorso, ritenendo che si tratti delcomplice di Melchiorre Gennaro, arrestato quel giorno mentretentanva di rubare una Smart assieme un altro individuoriuscito invece a fuggire. Gli agenti erano andati a casa deifamiliari del ricercato, ini via P.V. 46, per verificare se nonavesse trovato rifugio li', ed erano stati accolti in malo mododa una giovane donna, congiunta del fuggitivo, che li avevainsultati ed era stata percio' denuncia per oltraggio. Pocopiu' tardi, la famiglia si era presentata in massa nei localidel commissariato e si era abbandonata a una violenta protesta,terminata con gli arresti. In serata, il ricercato si e' recatospontaneamente in commissariato dov'e' stato identificato edenunciato a piede libero per il tentato furto della Smart.(AGI).