Ambiente: intesa Regione-Confindustria,autorizzazioni piu' veloci

(AGI) - Cagliari, 22 giu. - Ridurre i costi, semplificare le procedure e acceler...

(AGI) - Cagliari, 22 giu. - Ridurre i costi, semplificare le procedure e accelerare l'iter per pareri e autorizzazioni necessari all'avvio o all'ampliamento di attivita' produttive. E' l'obiettivo del protocollo d'intesa siglato oggi tra l'assessorato regionale dell'Ambiente e' la Confindustria per una migliore gestione dei servizi on line per le imprese garantiti dal Sira, il Sistema informativo regionale ambientale. Si parte con una fase di sperimentazione che vede l'istituzione di un tavolo tecnico composto da imprenditori e funzionari regionali con l'obiettivo di mettere a regime il nuovo sistema entro otto mesi. Il Sira consentira' all'imprenditore di presentare le richieste, senza duplicazione di documenti, e di seguire passo per passo, on line, l'evolversi della procedure. Il sistema servira' anche ai responsabili del procedimento - nel cosiddetto 'back office' - che avranno la possibilita' portare al termine l'iter autorizzativo accedendo direttamente a una sorta di banca dati di documenti che precedentemente dovevavno essere reperiti negli uffici dei vari enti che partecipano alla procedura. "Abbiamo responsabilizzato gli utenti, cioe' le imprese", ha spiegato l'assessore regionale dell'Ambiente Donatella Spano, "ottenendo un sistema che garantisce la standardizzazione e la dematerializzazione delle procedure, oltre alla semplificazione amministrativa".
"Grazie all'intesa con Confindustria e all'utilizzo ottimale del Sira", ha aggiunto Spano, "si avra', con costi e tempi ridotti, un miglioramento della qualita' della documentazione". L'assessore, nel ricordare che il Sira raccoglie tutte le informazioni ambientali dell'intero territorio della Sardegna, ha sottolineato come "la Sardegna abbia anticipato quanto previsto dal ministero nel collegato ambientale".
Il presidente regionale della Confidustria Alberto Scanu ha messo in evidenza come grazie l'intesa siglata oggi si sia realizzata "l'inversione del metodo" per cui "per la prima volta gli imprenditori che intendono avviare un'attivita' produttiva non dovranno piu' produrre documenti di fatto gia' nello disponibilita' della pubblica amministrazione". Un ulteriore passo dopo quello che riguarda i vincoli ambientali, ha auspicato il presidente degli industriali sardi, dovra' essere quello relativo al paesaggio". Scano ha sottolineato i vantaggi del sistema in termini di costi e semplificazione burocratica che, ha detto, "crediamo sia la madre di tutte le battaglie". (AGI)
Sol