Furti rame: rubati 1, 3km di cavi linea Ferrovie del Nord Barese

(AGI) - Bari, 13 ott. - L'ennesimo furto di cavi di rame hamesso in ginocchio questa mattina la circolazione delleFerrovie del Nord Barese, con gravi ripercussioni anche neltransito da, e per, l'aeroporto internazionale "Karol Woytjla". I ladri hanno rubato la scorsa notte una intera"regolazione" da 1.300 metri, tra Bitonto e Terlizzi,provocando danni al sistema e disagi ai passeggeri che comeogni mattina raggiungono Bari per motivi di studio e di lavoro. La fase di ripristino del collegamento e' immediatamentescattata all'alba, ma il servizio a pieno regime riprendera'non prima del tardo pomeriggio. I tecnici

(AGI) - Bari, 13 ott. - L'ennesimo furto di cavi di rame hamesso in ginocchio questa mattina la circolazione delleFerrovie del Nord Barese, con gravi ripercussioni anche neltransito da, e per, l'aeroporto internazionale "Karol Woytjla". I ladri hanno rubato la scorsa notte una intera"regolazione" da 1.300 metri, tra Bitonto e Terlizzi,provocando danni al sistema e disagi ai passeggeri che comeogni mattina raggiungono Bari per motivi di studio e di lavoro. La fase di ripristino del collegamento e' immediatamentescattata all'alba, ma il servizio a pieno regime riprendera'non prima del tardo pomeriggio. I tecnici lavorano conl'intento di consentire alle migliaia di pendolari un normale equanto piu' possibile agevole rientro ai Comuni di provenienza. Al momento la circolazione avviene su un solo binario,diversi treni hanno accumulato ritardi e qualcuno e' statoaddirittura soppresso. Sospesa la linea regionale FR1. Ipasseggeri possono usufruire di un servizio sostitutivo dipullman da Palese. L'ultimo furto sulla linea della Ferrotramviaria - Ferroviedel Nord Barese risaliva allo scorso 11 luglio, quando vennerotrafugati un chilometro e mezzo di cavi nel tratto che va dallastazione Lamasinata a Bitonto, in sostanza proprio inprossimita' della "bretella" che consente il transitodall'aerostazione. In quel caso furono necessari circa 48 oredi lavoro continuato per riportare tutto alla normalita'. Il danno economico e' ancora da quantificare.(AGI)red/Tib