Lombardia: Consiglio rivendica maggiore autonomia per Regione

(AGI) - Milano, 6 ott. - Il Consiglio regionale della Lombardiarivendica maggiore autonomia. L'aula lombarda, inoltre,sollecita l'applicazione dei costi standard ed evidenzia lanecessita' di continuare a garantire il funzionamento deigruppi consiliari. Sono questi i punti principali dell'ordinedel giorno approvato questo pomeriggio in Consiglio regionale,con il solo Movimento 5 Stelle che non ha partecipato al voto.Il provvedimento fa seguito al referendum consultivo perchiedere una maggiore autonomia dal governo, approvato nei mesiscorsi dall'aula lombarda. L'aula ha cosi' condiviso ildocumento sulle prospettive di riforma costituzionalepresentato dal presidente del Consiglio lombardo, RaffaeleCattaneo,

(AGI) - Milano, 6 ott. - Il Consiglio regionale della Lombardiarivendica maggiore autonomia. L'aula lombarda, inoltre,sollecita l'applicazione dei costi standard ed evidenzia lanecessita' di continuare a garantire il funzionamento deigruppi consiliari. Sono questi i punti principali dell'ordinedel giorno approvato questo pomeriggio in Consiglio regionale,con il solo Movimento 5 Stelle che non ha partecipato al voto.Il provvedimento fa seguito al referendum consultivo perchiedere una maggiore autonomia dal governo, approvato nei mesiscorsi dall'aula lombarda. L'aula ha cosi' condiviso ildocumento sulle prospettive di riforma costituzionalepresentato dal presidente del Consiglio lombardo, RaffaeleCattaneo, e proposto dalla Conferenza dei presidenti deiConsigli regionali italiani. "Con questo ordine del giorno - hadetto Cattaneo - il Consiglio chiede maggiore autonomia per laLombardia e, prima che venga approvata la riforma, che ilgoverno tenga conto dei punti segnalati nel nostro documentoaffinche' riconosca maggiori competenze per le regioni". Ildocumento approvato chiede, in particolare, che restino in capoalle Regioni materie e competenze necessarie per l'esercizio diuna compiuta funzione legislativa regionale quali ad esempio ilcoordinamento della finanza pubblica, l'ordinamento degli Entilocali, le politiche attive del lavoro e della formazioneprofessionale. L'ordine del giorno prevede che il presidentedel Consiglio lombardo e il presidente della Regione siimpegnino a promuovere i contenuti del documento presso lecompetenti sedi parlamentari. (AGI)Mi4/Car