Expo: M5s, inchiesta su Acerbo non sorprende, si dimetta

(AGI) - Milano, 17 set. - Il Movimento 5 stelle Lombardiachiede le dimissioni di Antonio Acerbo "da tutti gli incarichiin Expo", dopo che la Procura di Milano lo ha iscritto nelregistro degli indagati accusandolo di corruzione e turbativad'asta nell'ambito dell'indagine sulla cosiddetta 'cupola'."Sono mesi che teniamo sotto la lente i lavori perl'esposizione universale e, manager dopo manager, il numerodegli inquisiti cresce", scrive in una nota il consigliere 5stelle, Giampietro Maccabiani, il quale promette di sollevareil problema del "piu' grande sistema di malaffare lombardo dadopo tangentopoli" nella seduta straordinaria del Consiglio

(AGI) - Milano, 17 set. - Il Movimento 5 stelle Lombardiachiede le dimissioni di Antonio Acerbo "da tutti gli incarichiin Expo", dopo che la Procura di Milano lo ha iscritto nelregistro degli indagati accusandolo di corruzione e turbativad'asta nell'ambito dell'indagine sulla cosiddetta 'cupola'."Sono mesi che teniamo sotto la lente i lavori perl'esposizione universale e, manager dopo manager, il numerodegli inquisiti cresce", scrive in una nota il consigliere 5stelle, Giampietro Maccabiani, il quale promette di sollevareil problema del "piu' grande sistema di malaffare lombardo dadopo tangentopoli" nella seduta straordinaria del Consiglioregionale su Expo, in programma il 18 novembre. "L'apertura diuna indagine che coinvolge Acerbo non e' affatto una sorpresa -gli fa eco la collega Silvana Carcano -. E ancora una volta e'l'assurdo progetto Via D'Acqua ad annegare nelle inchieste. Lamacchina Expo andra' a scontrarsi contro un muro di cementoarmato e avremo inchieste e processi per corruzione e sperperodi denaro pubblico per i prossimi vent'anni". (AGI)Red/Fed