Comune Milano: Cappato (radicali) contro Pisapia, e' conservatore

(AGI) - Milano, 5 mar. - I radicali 'bocciano' il primo mandatodi Giuliano Pisapia e non escludono un collegamento con unacoalizione di centro destra guidata da un liberale in vistadelle prossime Amministrative. A formulare il giudizio negativosul sindaco di Milano e' stato il consigliere comunale, MarcoCappato, che non ha tanto puntato il dito sul modo diamministrare la citta' di Pisapia, giudicato "ancheapprezzabile, serio e onesto", ma sulla mancanza di idee fortidi reale cambiamento in grado di trasformare le citta',arrivando a definire il primo cittadino di Milano che governacon il centro

(AGI) - Milano, 5 mar. - I radicali 'bocciano' il primo mandatodi Giuliano Pisapia e non escludono un collegamento con unacoalizione di centro destra guidata da un liberale in vistadelle prossime Amministrative. A formulare il giudizio negativosul sindaco di Milano e' stato il consigliere comunale, MarcoCappato, che non ha tanto puntato il dito sul modo diamministrare la citta' di Pisapia, giudicato "ancheapprezzabile, serio e onesto", ma sulla mancanza di idee fortidi reale cambiamento in grado di trasformare le citta',arrivando a definire il primo cittadino di Milano che governacon il centro sinistra un "conservatore". "Il problema - hadetto Cappato in un'intervista a Affaritaliani - e' quello chenon c'e' stato: non c'e' stata una trasformazione della citta'.Quindi siamo delusi. I singoli assessori hanno fatto delle coseanche buone, Pisapia si e' limitato ad essere conservatore. None' il candidato giusto per rivoluzionare la citta'. Non l'hafatto la prima volta, perche' dovrebbe farlo la seconda?".'Archiavita' l'esperienza, dunque, bisogna pensare al futuro.Pisapia non ha ancora sciolto le riserve sulla suaricandidatura per un secondo mandato, ma Cappato ha fattonotare che i radicali sono gia' fuori da una logica dicoalizione, annunciando tuttavia uan valutazione per riproporlasu Milano. Alla domanda se si possa escludere l'ipotesi dicorrere con il centro destra, Cappato nega la preclusione e,anzi, si mostra piuttosto aperto all'idea: "Di per se' - hachiarito - non escludo nessuna soluzione, purche' ci sia unaradicale innovazione sui temi di ambiente e qualita' della vitae una svolta economica in senso liberale". (AGI)Mi5/Car