Crac Pesce: indagate due funzionarie centro fiduciario Carige

(AGI) - Genova, 9 lug. - Concessero un fido da un milione emezzo di euro alla societa' di costruzioni genovese "PescePietro Spa", gia' in stato di decozione. Pilotarono il fidoaffinche' parte del denaro andasse ad una societa' creditricedella "Pesce Pietro" affinche' quest'ultima rientrasse a suavolta con lo scoperto che aveva con la Banca Carige. Per questodue funzionarie del centro fiduciario dell'istituto di creditogenovese sono state indagate dal pm Francesco Pinto perbancarotta preferenziale in concorso. Nell'ambito della stessainchiesta per bancarotta fraudolenta, sono indagati lo stessoPietro Pesce, l'avvocato d'affari Sergio Bianchi e

(AGI) - Genova, 9 lug. - Concessero un fido da un milione emezzo di euro alla societa' di costruzioni genovese "PescePietro Spa", gia' in stato di decozione. Pilotarono il fidoaffinche' parte del denaro andasse ad una societa' creditricedella "Pesce Pietro" affinche' quest'ultima rientrasse a suavolta con lo scoperto che aveva con la Banca Carige. Per questodue funzionarie del centro fiduciario dell'istituto di creditogenovese sono state indagate dal pm Francesco Pinto perbancarotta preferenziale in concorso. Nell'ambito della stessainchiesta per bancarotta fraudolenta, sono indagati lo stessoPietro Pesce, l'avvocato d'affari Sergio Bianchi el'amministratore della "Pesce Pietro", Vincenzo Tedone. Bianchie Tedone sono stati interdetti per ordine del gip di Genova daruoli dirigenziali in societa' pubbliche e private. L'ufficiodi Galleria Mazzini di Bianchi e' stato nuovamente perquisito.Sono stati sequestrati dalla Guardia di finanza i computerdell'avvocato, a cui erano gia' stati sequestrati 560mila euro,la somma che la societa' immobiliare "Capo di Santa Croce",riconducibile a Bianchi e intestata a suo figlio Matteo, dovevaalla "Pesce Pietro" gia' in fase di fallimento. (AGI)Ge1/Vic