Migranti: prorogata 6 mesi pattuglie Forze Armate-Questura

(AGI) - Trieste, 5 lug. - Prorogate al 31 dicembre le attivit� congiunte della P...

(AGI) - Trieste, 5 lug. - Prorogate al 31 dicembre le attivit� congiunte della Polizia di Frontiera di Trieste e dell'Esercito Italiano. Erano iniziate a met� dello scorso dicembre e avrebbero dovuto concludersi il 30 giugno. In poco pi� di un semestre - si legge in una nota della Questura - la fascia confinaria italo-slovena � stata perlustrata quotidianamente da 794 pattuglie. Il bilancio dei controlli di retrovalico rafforzati dalla presenza del personale militare � decisamente positivo: 22.801 persone identificate, 6.893 veicoli controllati - tra autovetture, furgoni, autocarri e pullman - 104 denunciati a piede libero, 75 rintracci di immigrati irregolari, 16 arresti, numerosi sequestri di vario materiale di provenienza illecita. L'impiego di un contingente delle Forze Armate si inserisce nell'ambito dell'Operazione Strade Sicure, partita nel 2008 per far fronte a specifiche ed eccezionali esigenze di prevenzione e repressione della criminalit�. Delle sedici persone arrestate, la maggioranza erano destinatarie di provvedimenti restrittivi ? ordini di carcerazione e ordinanze di custodia cautelare in carcere ? disposti dall'Autorit� Giudiziaria italiana soprattutto per reati contro il patrimonio (furto, rapina, ricettazione) commessi in varie parti del Paese. Gli altri arresti sono stati operati in flagranza per reati contro il patrimonio, per violazione delle norme sull?immigrazione. I militari hanno supportato la Polizia di Frontiera anche nel compito di esecuzione delle estradizioni all?ex valico internazionale di Fernetti, al confine tra Italia e Slovenia. Per quanto riguarda i 75 cittadini extracomunitari risultati irregolari sul territorio nazionale, nella quasi totalit� dei casi si � trattato di migranti afghani, siriani e pakistani, rintracciati dalle pattuglie miste sull?Altopiano carsico: 31 di questi migranti, tra cui anche famiglie con bambini, sono stati riammessi in Slovenia, come previsto dagli accordi bilaterali. Alle Forze Armate si � coordinata anche nei sei mesi la Polizia di Frontiera Marittima con una attivit� di prevenzione all'immigrazione clandestina in ambito portuale. (AGI)
Ts1/Bru