Infrastrutture: ex valico Fernetti (Trieste),Fvg conferma impegno

(AGI)- Trieste, 1 ott. - Il problema dell'ex valico diFernetti, in comune di Monrupino-Repentabor (Trieste), e' statoportato nuovamente all'attenzione dell'Aula dal consigliereregionale della Slovenska skupnost-Partito democratico, IgorGabrovec. L'esponente del centrosinistra ha ricordato lo statodi grave degrado in cui versa, ormai da anni, tutta la zona eil pericolo per la circolazione creatosi dopo l'abbandono dellestrutture confinarie. Ne sono prova - ha ricordato in AulaGabrovec - i numerosi incidenti accaduti, l'ultimo dei quali havisto qualche settimana fa coinvolta un'autovettura dellapolizia. Lo stesso Gabrovec aveva gia' presentatoun'interrogazione in cui chiedeva all'Amministrazione regionale

(AGI)- Trieste, 1 ott. - Il problema dell'ex valico diFernetti, in comune di Monrupino-Repentabor (Trieste), e' statoportato nuovamente all'attenzione dell'Aula dal consigliereregionale della Slovenska skupnost-Partito democratico, IgorGabrovec. L'esponente del centrosinistra ha ricordato lo statodi grave degrado in cui versa, ormai da anni, tutta la zona eil pericolo per la circolazione creatosi dopo l'abbandono dellestrutture confinarie. Ne sono prova - ha ricordato in AulaGabrovec - i numerosi incidenti accaduti, l'ultimo dei quali havisto qualche settimana fa coinvolta un'autovettura dellapolizia. Lo stesso Gabrovec aveva gia' presentatoun'interrogazione in cui chiedeva all'Amministrazione regionaledi intervenire per la riqualificazione dell'area confinaria.L'assessore regionale alle infrastrutture, Mariagrazia Santoro,oggi ha confermato che l'Amministrazione regionale seguecostantemente il problema, che presenta complicazioni econtrarieta'. Al progetto iniziale, che vedeva coinvolto peroltre il 60% il territorio sloveno e il cui iter e' statobloccato proprio dal Governo della vicina Repubblica, e'seguita una nuova proposta progettuale vagliata dal Comune diMonrupino-Repentabor che, invece, non risponde sufficientementealle direttive del Codice della strada. Per contro, lesoluzioni alternative proposte in seguito dal CompartimentoAnas sono state bocciate dall'Amministrazione locale,preoccupata per i risvolti negativi alle attivita' commercialiche devono mantenere l'accesso diretto sulla viabilita'transfrontaliera. Santoro ha quindi fatto sapere che entro tresettimane l'Anas presentera' una nuova soluzione progettuale,confermando al contempo l'impegno della Regione a proporsi damediatore tra gli enti coinvolti per risolvere l'annosoproblema. (AGI)Ts1/Sep