Coop operaie Trieste: Bolzonello, soluzione entro giugno 2015

(AGI) - Trieste, 25 nov. - "Al termine del percorso indicatodal commissario giudiziario, Maurizio Consoli, creditori,fornitori e prestatori sociali potranno contare su un rientromolto importante". Lo ha affermato il vicepresidente del FriuliVenezia Giulia, Sergio Bolzonello chiarendo la posizione dellaRegione in merito alla situazione di Cooperative Operaie diTrieste, Istria e Friuli, attualmente alle prese con larichiesta di fallimento depositata dalla Procura dellaRepubblica ed il tentativo di salvataggio affidato a Consoli."Esprimo questo pensiero - ha precisato Bolzonello - concognizione di causa in quanto so cosa stanno facendo le personeincaricate di risolvere

(AGI) - Trieste, 25 nov. - "Al termine del percorso indicatodal commissario giudiziario, Maurizio Consoli, creditori,fornitori e prestatori sociali potranno contare su un rientromolto importante". Lo ha affermato il vicepresidente del FriuliVenezia Giulia, Sergio Bolzonello chiarendo la posizione dellaRegione in merito alla situazione di Cooperative Operaie diTrieste, Istria e Friuli, attualmente alle prese con larichiesta di fallimento depositata dalla Procura dellaRepubblica ed il tentativo di salvataggio affidato a Consoli."Esprimo questo pensiero - ha precisato Bolzonello - concognizione di causa in quanto so cosa stanno facendo le personeincaricate di risolvere un problema caratterizzato da aspettieconomici e sociali". "Entro il prossimo giugno - ha aggiuntoil vicepresidente della Regione - dovremmo arrivare ad unasoluzione molto positiva dell'intera vicenda. Di piu' non sipuo' dire per questioni di riservatezza rispetto alletrattative in corso ma e' certo che questa azienda avrebbecomunque avuto bisogno di un intervento strutturale perrimanere sul mercato". "Questa - ha spiegato ancora Bolzonello - e' una crisiindustriale come altre in Fvg, seppure resa piu' dolorosa dalprestito sociale, e come tale dobbiamo trattarla. Alla Regione,chiamata piu' volte in causa, non possono essere addebitatecolpe che non ha per mancanza di competenze sulle verificheordinarie che spettano alle centrali cooperative". "La linea diazione con l'obiettivo della massima salvaguardia - ha aggiuntoBolzonello, rifacendosi all'esposizione dello stato dei fattida parte di Consoli, intervenuto in apertura della sedutaconsigliare - e' stata ormai delineata. L'iniziativa dellaProcura e' stata opportuna proprio per tutelare il patrimonioaziendale e garantire la possibilita' di soddisfare i creditoriquanto la continuita' operativa e sostenibile dei 43 puntivendita con oltre 600 lavoratori coinvolti". (AGI)Ts1/Bru