Scuola: Emilia Romagna, al via nuovo anno per 545mila studenti

(AGI) - Bologna, 14 set. - "Siete una comunita' vera, la piu'numerosa e per noi la piu' importante. Scuola e territorio perla Regione Emilia Romagna rappresentano un binomioindivisibile. La scuola e' il luogo dell'uguaglianza,dell'integrazione e della convivenza civile". Cosi' ilpresidente della Regione, Stefano Bonaccini, e l'assessoreregionale alla Scuola, Patrizio Bianchi, scrivono nella letterainviata a tutte le scuole in occasione dell'avvio del nuovoanno scolastico. Rivolgendosi ai 545mila alunni, ai 371dirigenti scolastici, ai 48.399 insegnanti, (di cui almeno3.757 al loro primo anno di ruolo) e ai 13.864 collaboratoriscolastici, assistenti amministrativi e

(AGI) - Bologna, 14 set. - "Siete una comunita' vera, la piu'numerosa e per noi la piu' importante. Scuola e territorio perla Regione Emilia Romagna rappresentano un binomioindivisibile. La scuola e' il luogo dell'uguaglianza,dell'integrazione e della convivenza civile". Cosi' ilpresidente della Regione, Stefano Bonaccini, e l'assessoreregionale alla Scuola, Patrizio Bianchi, scrivono nella letterainviata a tutte le scuole in occasione dell'avvio del nuovoanno scolastico. Rivolgendosi ai 545mila alunni, ai 371dirigenti scolastici, ai 48.399 insegnanti, (di cui almeno3.757 al loro primo anno di ruolo) e ai 13.864 collaboratoriscolastici, assistenti amministrativi e tecnici impegnati nelsistema scolastico dell'Emilia Romagna, Bonaccini e Bianchiricordano che "il destino di un territorio dipende dal livellodi istruzione dei suoi abitanti: la scolarita' e' la nuovadiscriminante sociale, la capacita' di competere oggi esigenuovi strumenti per crescere, interagire e comunicare in uncontesto sempre piu' internazionale e per convivere in societa'pluraliste, nel rispetto di culture anche molto diverse dallanostra". In questi giorni il presidente Bonaccini e l'assessoreBianchi hanno inaugurato diverse scuole, tra cui la PaltrinieriPizzoli e l'istituto Malpighi di Crevalcore, il Quaquarelli diSan Giovanni in Persiceto e il plesso scolastico di RenoCentese. A seguito del sisma 2012, nelle quattro provincecolpite sono stati messi a disposizione circa 353 milioni dieuro tra interventi finanziati dal commissario straordinarioper la ricostruzione (nuove scuole realizzate) e interventidegli enti locali sugli edifici danneggiati. Sempre sul frontedell'edilizia scolastica la Regione sta per stipulare mutuipluriennali per il valore di 57 milioni di euro che consentono,sulla base di un piano triennale condiviso con le istituzionilocali, di realizzare interventi straordinari diristrutturazione, miglioramento, messa in sicurezza,adeguamento sismico, efficientamento energetico delle scuole,nonche' di costruire nuovi edifici e nuove palestrescolastiche. (AGI)Bo1/Vic