Papa: a Napoli su orme predecessori, Pompei e Scampia tra tappe (2)

(AGI) - Napoli, 20 mar. - Karol Wojtyla era arrivato a Napolila prima volta la sera del 21 ottobre 1979, di ritorno dalpellegrinaggio al santuario di Pompei, ed era stato accolto dauna piazza del Plebiscito gremita che intonava canti sacri; poiera allo scalo aereo di Capodichino il 25 novembre 1980, duegiorni dopo il terremoto che aveva portato lutti e danni inCampania e Basilicata; infine, la lunga visita pastorale dal 9al 12 novembre 1990, quattro giorni di cui quello che ancorascuote le coscienze dei napoletani ebbe come culmine ildiscorso a Scampia, con

(AGI) - Napoli, 20 mar. - Karol Wojtyla era arrivato a Napolila prima volta la sera del 21 ottobre 1979, di ritorno dalpellegrinaggio al santuario di Pompei, ed era stato accolto dauna piazza del Plebiscito gremita che intonava canti sacri; poiera allo scalo aereo di Capodichino il 25 novembre 1980, duegiorni dopo il terremoto che aveva portato lutti e danni inCampania e Basilicata; infine, la lunga visita pastorale dal 9al 12 novembre 1990, quattro giorni di cui quello che ancorascuote le coscienze dei napoletani ebbe come culmine ildiscorso a Scampia, con quel netto "Non bisogna arrendersi almale! Il bene, se voluto con forza, puo' compiere miracoli", el'invito a tutti a "organizzare la speranza". E la preghieradavanti la Vergine di Pompei, quella nella piazza simbolo dellacitta' e l'incontro con la gente di Scampia sono tre deimomenti della visita di Francesco I. Benedetto XVI ha trascorsoa Napoli un'unica giornata, quella del 21 ottobre 2007, legataal meeting internazionale per il dialogo tra religioni,concelebrando una Santa Messa a piazza del Plebiscito, comefara' papa Bergoglio, ma anche venerando le reliquie di SanGennaro nel duomo, un appuntamento anche dell'attualepontefice. E cresce l'attesa dei napoletani per capire se ilsangue del patrono della citta', che ha 'deluso' sia GiovanniPaolo II che Benedetto XVI non sciogliendosi, davanti alpontefice che viene d'oltreoceano, ripetera' il miracolo dellaliquefazione. Prima di tutti loro, in eta' moderna, a Napoliera stato solo Pio IX, che tra 1848 e l'anno seguente, nel suo'esilio' partenopeo, ha visto anche Portici e Torre del Greco.(AGI) Lil