Arte: un quadro di Caravaggio a febbraio al museo di Taverna

(AGI) - Catanzaro, 18 nov. - "Il piu' grande pittore di tutti itempi e' Caravaggio ma finora in Calabria non abbiamo mai avutoesposto un suo quadro. L'8 di febbraio 2015, proveniente dallaGalleria Nazionale di Palazzo Corsini, verra' ospitato il SanGiovannino di Caravaggio a Taverna, la patria di Mattia Preti.La tela si potra' ammirare fino a fine marzo nella splendidacornice del Museo Civico di San Domenico, in un idealecolloquio con la Predica di San Giovanni di Mattia Preti, chee' effigiato in basso a destra con i simboli della sua vita edel suo

(AGI) - Catanzaro, 18 nov. - "Il piu' grande pittore di tutti itempi e' Caravaggio ma finora in Calabria non abbiamo mai avutoesposto un suo quadro. L'8 di febbraio 2015, proveniente dallaGalleria Nazionale di Palazzo Corsini, verra' ospitato il SanGiovannino di Caravaggio a Taverna, la patria di Mattia Preti.La tela si potra' ammirare fino a fine marzo nella splendidacornice del Museo Civico di San Domenico, in un idealecolloquio con la Predica di San Giovanni di Mattia Preti, chee' effigiato in basso a destra con i simboli della sua vita edel suo destino: il pennello di pittore e la spada di Cavalieredi Malta". Con queste parole l'Assessore regionale alla CulturaMario Caligiuri ha comunicato durante una conferenza stampa aTaverna questo importante evento culturale, riferendo ledichiarazioni del Sovrintendente del Polo Museale RomanoDaniela Porro. Caligiuri, che e' stato introdotto dal SindacoEugenio Canino, ha inquadrato questo importante appuntamentonell'ambito delle manifestazioni sui 400 anni della nascita diMattia Preti, iniziate nel 2013, proseguite nel 2014 e checontinueranno anche nel 2015 con una serie di attivita': dallamostra sul Nudo nell'arte al Museo nazionale di ReggioCalabria, dove tele di San Sebastiano di Mattia Preti verrannomesse a confronto con i bronzi di Riace su un tema eternodell'arte, alla mostra sugli anni giovanili di Mattia Preti aRoma presso Palazzo Corsini. Inoltre Caligiuri ha anchecollocato le iniziative pretiane nel contesto delle iniziativeculturali sviluppate dalla Regione Calabria in questi anni chehanno determinato nel 2013, come studiato dalla Banca d'Italia,l'apporto delle attivita' culturali pari al 15 della ricchezzaprodotta annualmente in Calabria. "E si tratta - ha dettoCaligiuri - di un dato destinato a crescere, quando gli ingentiinvestimenti gia' effettuati nella scuola, nella ricerca e neibeni culturali dispiegheranno maggiormente i propri effetti".(AGI)Ros