TERREMOTO: VERSO RIAPERTURA PARZIALE NEGOZI CENTRO STORICO

(AGI)- L'Aquila, 3 mar.- A seguito della richiesta dellaConfcommercio, di verificare la fattibilita' della riaperturadelle attivita' commerciali in quelle strade del centro storicouscite dalla zona rossa, e in alcune limitrofe, si e' svoltoieri un incontro con il Comune dell'Aquila, il quale ha dato lasua massima disponibilita' ad affrontare il problema previa,chiaramente, una verifica attenta della fattibilita'.All'incontro, hanno preso parte Confcommercio, Confesercenti,Confartigianato, CNA, il vice Sindaco Gianpaolo Arduini e gliAssessori Marco Fanfani, Piero di Stefano e Vladimiro Placidi. Insieme, si e' convenuta la necessita' di vagliare unametodologia comune per la verifica

(AGI)- L'Aquila, 3 mar.- A seguito della richiesta dellaConfcommercio, di verificare la fattibilita' della riaperturadelle attivita' commerciali in quelle strade del centro storicouscite dalla zona rossa, e in alcune limitrofe, si e' svoltoieri un incontro con il Comune dell'Aquila, il quale ha dato lasua massima disponibilita' ad affrontare il problema previa,chiaramente, una verifica attenta della fattibilita'.All'incontro, hanno preso parte Confcommercio, Confesercenti,Confartigianato, CNA, il vice Sindaco Gianpaolo Arduini e gliAssessori Marco Fanfani, Piero di Stefano e Vladimiro Placidi. Insieme, si e' convenuta la necessita' di vagliare unametodologia comune per la verifica di cio' che, effettivamente, sia possibile fare sia per far fronte alle esigenze deicommercianti sia per rivitalizzare quelle zone del centrostorico meno disastrate; a tal fine, infatti, le associazionipresenti all'incontro, hanno presentato al Comune, leplanimetrie degli assi viari gia' riaperti ( Corso Federico II,via San Bernardino; Via Castello e Via Sallustio) e di quellida poter riaprire e che potrebbero vedere la parziale ripresadi alcune attivita' commerciali, attraverso l'istituto dellaagibilita' parziale. E' stato, inoltre convenuto, che sicostituira' una specifica commissione tecnica, snella e veloce,capace di dialogare sia con le associazioni di categoria checon le altre competenze istituzionali, per arrivare, appunto,alle riaperture parziali. Pertanto, si procedera' ad un primo incontro con gli entigestori dei sottoservizi, sia per capire il danno reale e glieventuali interventi di ripristino, sia per arrivare ad unsecondo passaggio di verifica della effettiva situazione delleproposte di riapertura, in un rapporto franco e leale con lecategorie di rappresentanza che hanno dato la massimadisponibilita'.(AGI)com/Plt