TERREMOTO: DE MATTEIS, MACERIE SONO UN PROBLEMA NAZIONALE

(AGI) - L'Aquila, 24 feb. - "Spostare 4 milioni di metri cubidi macerie e prevederne altrettanti quando si andra' a demolireo a ristrutturare e' un problema che non puo' riguardaresoltanto il comune dell'Aquila. Anzi il problema macerie e'peggiorato a giudicare dai cumuli presenti in alcuni siti dellazona rossa del centro storico ed e' per questo motivo chebisogna affrontare il problema non soltanto per l'immediato maanche per il prosieguo". Lo ha detto stamane il vicepresidentevicario del Consiglio regionale, Giorgio De Matteis, parlandodella richiesta di intervento da parte del commissariodelegato, Gianni Chiodi,

(AGI) - L'Aquila, 24 feb. - "Spostare 4 milioni di metri cubidi macerie e prevederne altrettanti quando si andra' a demolireo a ristrutturare e' un problema che non puo' riguardaresoltanto il comune dell'Aquila. Anzi il problema macerie e'peggiorato a giudicare dai cumuli presenti in alcuni siti dellazona rossa del centro storico ed e' per questo motivo chebisogna affrontare il problema non soltanto per l'immediato maanche per il prosieguo". Lo ha detto stamane il vicepresidentevicario del Consiglio regionale, Giorgio De Matteis, parlandodella richiesta di intervento da parte del commissariodelegato, Gianni Chiodi, al ministero dell'Ambiente. "Finalmente - ha scontinuato De Matteis - si e' compresocome il problema delle macerie sia di dimensione specifica,rispetto alla situazione straordinaria e non puo' essereaffrontato in condizioni di normalita'. Bene ha fatto ilcommissario delegato Gianni Chiodi a chiamare in causa ilministero dell'Ambiente". Per De Matteis il problema maceriedeve essere affrontato nelle sedi nazionali e comunitaria"perche' occorre una normativa specifica".(AGI)cli/Plt