Sanita': nuova sede per comunita' terapeutica "Il Castello"

(AGI) - Anversa degli Abruzzi (L'Aquila), 3 giu. - Ilpresidente della Regione, Luciano D'Alfonso, interverra' sabatoprossimo, 6 giugno, alle 9.30, all'inaugurazione della nuovasede della Comunita' terapeutica 'Il Castello', ad Anversadegli Abruzzi, che festeggia anche i venti anni dall'iniziodelle attivita' nel piccolo centro della Valle del Sagittario.L'inaugurazione sara' aperta dalla visita dei nuovi localidella Comunita' che sorgono alle porte del paese, lungo lastrada in direzione del casello autostradale di Cocullo. Perventi anni la comunita' e' stata ospitata nei locali comunalidell'ex scuola elementare di Anversa. Il vescovo diSulmona-Valva, monsignor Angelo Spina,

(AGI) - Anversa degli Abruzzi (L'Aquila), 3 giu. - Ilpresidente della Regione, Luciano D'Alfonso, interverra' sabatoprossimo, 6 giugno, alle 9.30, all'inaugurazione della nuovasede della Comunita' terapeutica 'Il Castello', ad Anversadegli Abruzzi, che festeggia anche i venti anni dall'iniziodelle attivita' nel piccolo centro della Valle del Sagittario.L'inaugurazione sara' aperta dalla visita dei nuovi localidella Comunita' che sorgono alle porte del paese, lungo lastrada in direzione del casello autostradale di Cocullo. Perventi anni la comunita' e' stata ospitata nei locali comunalidell'ex scuola elementare di Anversa. Il vescovo diSulmona-Valva, monsignor Angelo Spina, benedira' i nuovilocali. Subito dopo si svolgera' un convegno dedicato ad unariflessione sull'esperienza innovativa compiuta nella Comunita'Il Castello. Al convegno interverranno anche la senatrice PaolaPelino, il presidente della Provincia dell'Aquila, Antonio DeCrescentiis, il direttore generale dell'Azienda sanitariaL'Aquila-Sulmona-Avezzano, Giancarlo Silveri, il direttore delDipartimento di Salute mentale dell'Asl, Vittorio Sconci, ildirettore del Sert di Sulmona, Elia Dora Di Ciano, il sindacodi Anversa degli Abruzzi, Gianni Di Cesare. La Comunita' IlCastello - si legge in una nota - e' una strutturaall'avanguardia, unica nel suo genere in Abruzzo e nel restod'Italia, nel campo della psicoriabilitazione. La novita' dellaterapia adottata per i pazienti ospiti della Comunita' IlCastello consiste nell'utilizzo dell'ambiente del paese come"agente terapeutico", favorendo le relazioni sociali ed ilreinserimento graduale dei pazienti nella realta', posti acontatto diretto e costante con i residenti. I pazienti quindinon vivono in "enclave" chiuse ma godono di nuovo di uno statuse di una dignita' di cittadinanza grazie alla sperimentazionedi questo metodo innovativo di riabilitazione psichica. Primadi Anversa solo in un piccolo centro del Belgio era statasperimentata un'iniziativa analoga. Nella struttura anversana,avviata nel 1995 da un gruppo di giovani psichiatri pronti asperimentare metodi innovativi di terapia psicoriabilitativa,finora sono state curate oltre duecento persone affette dadisagio mentale o da tossicodipendenza. Un progetto che hagoduto anche del pieno sostegno dei cittadini residenti,attivamente partecipi all'opera di inserimento dei giovaniospiti nella vita quotidiana del paese. Ora pero' - prosegue lanota - la Comunita' Il Castello attende segnali positivi anchedalla Regione. "Nonostante la novita' rappresentatadall'esperimento, provato con successo ad Anversa, la RegioneAbruzzo col Piano Sanitario L. 5/2007 ha escluso il concetto diComunita' Terapeutica e in parte anche di riabilitazioneprevedendo 4 tipologie di strutture residenziali psichiatriche:Post-acuzie, Casa famiglia, Residenza protetta e Gruppoappartamento - fa notare lo psichiatra della Comunita', dottorMichele Beatrice - utilizzando un metodo molto empirico ma pocoscientifico e ancor meno logico le Comunita' Terapeutiche sonostate assimilate alle residenze post-acuzie pur essendo lefinalita' diverse tra loro e creando un insostenibile vuoto,visto che le comunita' riabilitative non sono contemplate nelpiano sanitario". Attualmente sono inviati in Comunita'terapeutica giovani affetti da psicosi o da gravi disturbi dipersonalita' che potenzialmente sono in grado attraversoprogrammi individualizzati e basati sulle disabilita' presenti,di recuperare capacita' relazionali, sociali e lavorative.L'importante struttura da' occupazione a trenta persone, quasitutte del posto: operatori socio-sanitari, addetti ai servizi ealle cucine oltre, naturalmente, a medici e psicologi. LaComunita' "Il Castello" e' dunque una risorsa fondamentale perAnversa degli Abruzzi e per il Centro Abruzzo, che puo'diventare ancora piu' consistente con il raddoppio del numerodegli ospiti accreditati da parte della Regione. (AGI)Ett