Expo: arabi "svaligiano" azienda aquilana di zafferano

(AGI) - L'Aquila, 29 giu. - Che lo zafferano sia l'oro rossod'Abruzzo lo sanno bene gli arabi. E lo hanno dimostrato oggipomeriggio a Milano, letteralmente "svaligiando" l'azienda 'ISapori della terra' di Massimiliano Aloisio, di San Pio delleCamere (L'Aquila) che era tra le aziende agricole presenti inExpo nel padiglione di Coldiretti dedicato all'Abruzzo da oggifino a domenica 5 luglio. Il produttore aquilano haletteralmente "sbancato" il suo stand dopo la visita di unadelegazione proveniente dagli Emirati Arabi Uniti. Che, nonsolo si e' intrattenuta ad ascoltare la storia di questa speziadai mille pregi,

(AGI) - L'Aquila, 29 giu. - Che lo zafferano sia l'oro rossod'Abruzzo lo sanno bene gli arabi. E lo hanno dimostrato oggipomeriggio a Milano, letteralmente "svaligiando" l'azienda 'ISapori della terra' di Massimiliano Aloisio, di San Pio delleCamere (L'Aquila) che era tra le aziende agricole presenti inExpo nel padiglione di Coldiretti dedicato all'Abruzzo da oggifino a domenica 5 luglio. Il produttore aquilano haletteralmente "sbancato" il suo stand dopo la visita di unadelegazione proveniente dagli Emirati Arabi Uniti. Che, nonsolo si e' intrattenuta ad ascoltare la storia di questa speziadai mille pregi, ma ha anche acquistato tutte le confezioniesposte in Expo. "Non un semplice colpo di fortuna" e' stato ilcommento di Alberto Bertinelli, direttore di Coldiretti Abruzzo"ma il segno tangibile di come l'Expo possa diventare unagrande occasione anche per piccoli produttori di eccellenze. E'anche questo l'Abruzzo che, in questa settimana di promozione,vogliamo esportare in tutto il mondo". Una bella notizia chearriva al termine di una giornata dedicata interamente allaspezia aquilana per eccellenza. Proprio questa mattina nelpadiglione di Coldiretti, sul Cardo, era stato firmato ilprotocollo di intesa tra Coldiretti Abruzzo e L'associazione'Le vie dello zafferano' per la diffusione e la valorizzazionedi questo prodotto tra le giovani generazioni. (AGI)

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it