Assistenza autistici: passa in commissione emendamento on. Amato

(AGI) - Roma, 24 giu. - E' stato approvato in XII commissione(affari sociali della Camera dei Deputati) l'emendamento diMaria Amato (Pd), presentato dai capigruppo della maggioranza,alla proposta di legge sulle "Disposizioni in materia didiagnosi, cura e abilitazione delle persone con disturbi dellospettro autistico e di assistenza alle famiglie". "Siintroducono a questo testo che rappresenta una legge diriordino, elementi finalizzati alla sua rapida attuazione -spiega la parlamentare abruzzese del PD - ovvero si introduconomodifiche importanti sulla la presa in carico del paziente e ilsostegno alla famiglia". Ovvero: il riferimento all'intesa tra

(AGI) - Roma, 24 giu. - E' stato approvato in XII commissione(affari sociali della Camera dei Deputati) l'emendamento diMaria Amato (Pd), presentato dai capigruppo della maggioranza,alla proposta di legge sulle "Disposizioni in materia didiagnosi, cura e abilitazione delle persone con disturbi dellospettro autistico e di assistenza alle famiglie". "Siintroducono a questo testo che rappresenta una legge diriordino, elementi finalizzati alla sua rapida attuazione -spiega la parlamentare abruzzese del PD - ovvero si introduconomodifiche importanti sulla la presa in carico del paziente e ilsostegno alla famiglia". Ovvero: il riferimento all'intesa trastato e regioni in sede di conferenza unificata al fine diaggiornare le linee di indirizzo in applicazione dei nuovi LEA,dando alle regioni il giusto ruolo di governante;l'aggiornamento obbligatorio triennale delle linee di indirizzodando forza al quanto scritto nel primo articolo della legge:l'obbligo a riferirsi ai piu' recenti sviluppi scientifici sianei percorsi di cura che in quelli educativi; la verifica dellaerogazione dei LEA da parte del Comitato per l'attuazione deiLEA, rendendoli cosi' realmente obbligatori per tutte leregioni. "Questa legge fortemente attesa da associazioni difamiglie che vivono una quotidianita' durissima - spiega l'on.Amato - vuole rispondere alle significative differenze tra imodelli di assistenza delle diverse regioni. Se pensiamo alladiagnosi precoce, alla residenzialita' per gli adulti, aiprogrammi di inclusione scolastica e sociale, ci rendiamo contodelle gravi inadempienze che fanno sentire fortissima lasolitudine delle famiglie di fronte ai problemi. La finalita'dell'emendamento - conclude Amato, di professione primarioospedaliero - e' di dare maggiore concretezza ad una leggeapparentemente 'manifesto' e condizionare tutte le Regioni arealizzare un'adeguata risposta ai bisogni delle personeinteressate dai disturbi del comportamento e delle lorofamiglie". (AGI)Red/Ett

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it