La nota di Palazzo Chigi dopo il vertice notturno sulla Tav

"Sono emerse criticità che impongono una interlocuzione con gli altri soggetti partecipi del progetto", scrive l'ufficio di Conte 

vertice tav 
Pierpaolo Scavuzzo / AGF 
 Luigi Di Maio, Giuseppe Conte e Matteo Salvini

"A distanza di vari anni dalle analisi effettuate in precedenza e, in particolare, alla luce delle più recenti stime dei volumi di traffico su rotaia e del cambio modale che ne può derivare, sono emerse criticità che impongono una interlocuzione con gli altri soggetti partecipi del progetto, al fine di verificare la perdurante convenienza dell'opera e, se del caso, la possibilità di una diversa ripartizione degli oneri economici, originariamente concepita anche in base a specifici volumi di investimenti da effettuare nelle tratte esclusivamente nazionali". Così la nota di Palazzo Chigi dopo il vertice sulla Tav, concluso in nottata. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it