Scuola: Governo pone la fiducia Cinque stelle col lutto al braccio

(AGI) - Roma, 25 giu. - Il ministro per le Riforme Maria ElenaBoschi ha posto la fiducia in Aula al Senato sul maxiemendamento

(AGI) - Roma, 25 giu. - Il ministro per le Riforme Maria ElenaBoschi ha posto la fiducia in Aula al Senato sul maxiemendamento per la riforma della scuola. Il presidente diPalazzo Madama, Pietro Grasso, ha sospeso la seduta e convocatola capigruppo. Ieri l'avvio della discussione generale erastata accompagnata dalle scintille, a colpi di regolamento, framaggioranza ed opposizione. Il provvedimento, non essendosi concluso l'esame incommissione, era arrivato senza il mandato ai relatori ed erastato il presidente della commissione Istruzione, AndreaMarcucci, a sintetizzare l'iter del disegno di legge e icontenuti. E qui era insorta Forza Italia che si era rivoltaanche al presidente Grasso, suscitando la replica del Pdseguito dall'intervento di Sel, M5S e Lega."La scuola dopo annidi marginalita' e' tornata a essere al centro del dibattitoculturale e politico del Paese", aveva anche osservatoMarcucci. Il ddl ha l'obiettivo di "mettere la scuola nellecondizioni di essere la spina dorsale del Paese" aveva dettoancora sul testo su cui il Governo ha presentato la questionedi fiducia. I Cinque Stelle hanno dato vita alla protesta: lumini efasce a lutto al braccio con il cartello R.i.p. (Riposa inpace) scuola pubblica i senatori hanno accolto la richiesta delgoverno di 'lindare' il provvedimento arrivato in aula senzache la Commissione Istruzione ne abbia concluso l'esame equindi senza relatori per essere approvato in giornatadall'aula di palazzo Madama e arrivare a Montecitorio per il 7luglio come ha deciso ieri la conferenza dei capigruppo dellaCamera. (AGI).

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it