Saviano ha lanciato un appello a chi non prende posizione contro le bufale

Un post su Facebook dello scrittore prende le mosse dall'ultima menzogna circolata in rete sulla naufraga con lo smalto

saviano appello bufale
Nicola Marfisi / AGF 
 Roberto Saviano

Il pretesto lo ha fornito l'ultima colossale bufala circolata sui social: quella della migrante salvata dal naufragio con lo smalto sulle unghie. A fare 'debunking' e a spiegare com stavano le cose è stata una giornalista di Internazionale imbarcata sulla nave Open Arms che ha salvato la donna, ma stamattina Roberto Saviano ha colto l'occasione per lanciare un appello a chi non sopporta più di veder circolare balle.

"Il mio invito è rivolto a chiunque abbia una comunità a cui poter parlare. Prendete posizione contro le menzogne, perché oggi tacere significa dire: quello che sta accadendo mi sta bene" scrive su Facebook. Per lo scrittore "lo smalto di Josefa è solo la punta dell'iceberg e la manifestazione più orrenda della crudeltà innalzata a regola" e se "ogni parola ha una conseguenza" è altrettanto vero, citando Sartre, che "anche il silenzio ha conseguenze".

"Dinanzi a menzogne che crescono incontrastate, dinanzi a bugiardi di professione e al dolore vero, reale, mortale, che queste menzogne e questi bugiardi provocano, abbiamo tutti il dovere di rispondere: NON È VERO!" scrive Saviano nel suo post, "La storia degli uomini - scrisse Vasilij Grossman in "Vita e destino" - non è dunque la lotta del bene che cerca di sconfiggere il male. La storia dell'uomo è la lotta del grande male che cerca di macinare il piccolo seme dell'umanità. Ma se in momenti come questo l'uomo serba qualcosa di umano, il male è destinato a soccombere. Voi siete il piccolo seme dell'umanità, senza di voi l'Italia è perduta".
"Allora", è l'esortazione finale, "da che parte state?"



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it