Responsabilita' toghe: con 265 si' ddl ora e' legge

(AGI) - Roma - Con 265 si', 51 voti contrari e 63astenuti, la Camera ha approvato la riforma dellaresponsabilita' civile dei  [...]

(AGI) - Roma, 24 feb. - Con 265 si', 51 voti contrari e 63astenuti, la Camera ha approvato la riforma dellaresponsabilita' civile dei magistrati. La riforma, gia' licenziata dal Senato, ora e' legge. Chi ha subito un danno dalla giustizia potra' chiedere idanni allo Stato, che ha l'obbligo di rivalersi sul magistrato.Con il si' della Camera, la disciplina della responsabilita'civile delle toghe e' legge. Questi i punti principali delprovvedimento:- Responsabilita' indiretta. Resta fermo il principio per cuie' lo Stato che risarcisce direttamente i danni della'malagiustizia' potendo solo in seconda battuta rifarsi sulmagistrato. Il cittadino che ha patito un danno ingiusto, inaltri termini, potra' esercitare l'azione risarcitoriaesclusivamente nei confronti dello Stato. - Obbligo di rivalsa. L'azione di rivalsa dello Statodiventa obbligatoria. Il risarcimento al magistrato dovra'essere chiesto entro due anni dalla sentenza di condanna nelcaso di diniego di giustizia o quando la violazione e' statadeterminata da dolo o negligenza inescusabile. Quantoall'entita' della rivalsa, cresce la soglia attualmente fissataa un terzo: il magistrato rispondera' ora con lo stipendionetto annuo fino alla meta'. Se vi e' dolo, l'azionerisarcitoria e' pero' totale. - Soppressione del 'filtro'. Niente piu' controllipreliminari di ammissibilita' della domanda di risarcimentocontro lo Stato. L'attivita' di 'filtro' (verifica deipresupposti e valutazione di manifesta infondatezza) oggiaffidata al tribunale distrettuale e' cancellata. - Confini della colpa grave. Si ridefiniscono e integranole ipotesi di colpa grave. Oltre che per l'affermazione di unfatto inesistente o la negazione di un fatto esistente,scattera' la colpa grave in caso di violazione manifesta dellalegge e del diritto comunitario e in caso di travisamento delfatto o delle prove. Colpa grave sara' anche l'emissione di unprovvedimento cautelare personale o reale al di fuori dei casiconsentiti dalla legge o senza motivazione. - Travisamento fatto o prove. I lavori parlamentari,richiamandosi a un'interpretazione costituzionalmente orientatadella norma, hanno chiarito come il 'travisamento' rilevante aifini della responsabilita' civile del magistrato sia unicamentequello macroscopico ed evidente, tale da non richiedere alcunapprofondimento di carattere interpretativo o valutativo. - Clausola salvaguardia. Viene ridelineata la portata della'clausola di salvaguardia': pur confermando che il magistratonon e' chiamato a rispondere dell'attivita' di interpretazionedella legge e di valutazione del fatto e delle prove, siescludono espressamente da tale ambito di irresponsabilita' icasi di dolo, di colpa grave e violazione manifesta della leggee del diritto della Ue. (AGI).