Mattarella celebra il ricordo delle Foibe: "Mai avere paura della verità"

Mattarella celebra il ricordo delle Foibe: "Mai avere paura della verità"

Il Capo dello Stato ha ricordato che sono passati quasi venti anni da quando il Parlamento italiano istituì con una significativa ampia maggioranza il Giorno del Ricordo dedicato al dolore inflitto agli italiani di Istria, Dalmazia e Venezia Giulia sotto l'occupazione dei comunisti jugoslavi 

Mattarella celebra ricordo Foibe Mai avere paura della verità

© Gaindotti/Uff Stampa / AGF 
- Sergio Mattarella 

AGI -  "Nessuno deve avere paura della verità. La verità rende liberi. Le dittature - tutte le dittature - falsano la storia, manipolando la memoria, nel tentativo di imporre la verità di Stato". Lo ha detto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella celebrando al Quirinale il Giorno del Ricordo. 

"Sono passati quasi vent'anni da quando il Parlamento italiano istituì, con una significativa ampia maggioranza, il Giorno del Ricordo, dedicato al percorso di dolore inflitto agli italiani di Istria, Dalmazia e Venezia Giulia sotto l'occupazione dei comunisti jugoslavi nella drammatica fase storica legata alla Seconda Guerra Mondiale e agli avvenimenti a essa successivi". 

Gli altri passaggi del discorso del Capo dello Stato

"La legge, con puntuale completezza, recita: 'La Repubblica riconosce il 10 febbraio quale "Giorno del ricordo" al fine di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell'esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale'".

"Vessazioni e violenze dure, ostinate, che conobbero eccidi e stragi e, successivamente, l'epurazione attraverso l'esodo di massa. Un carico di sofferenza, di dolore e di sangue, per molti anni rimosso dalla memoria collettiva e, in certi casi, persino negato".

"Come se le brutali vicende che interessarono il confine orientale italiano e le popolazioni che vi risiedevano da secoli rappresentassero un'appendice minore e trascurabile degli eventi della fosca epoca dei totalitarismi o addirittura non fossero parte integrante della nostra storia.

"In realtà, quel lembo di terra bagnato dall'Adriatico, dove per lungo tempo si è esercitata, con fatica e con fasi alterne, la convivenza tra etnie, culture, lingue, religioni, ha conosciuto, sperimentandoli e racchiudendoli, tutti gli orrori della prima metà del Novecento, passando - senza soluzione di continuità - dall'occupazione nazifascista alla dittatura comunista di Tito.

"Un territorio colmo di ricchezza, di bellezza e di cultura, alimentato proprio dalle sue differenze, che ha subìto l'immeritato destino di veder sorgere sul proprio suolo i simboli agghiaccianti degli diversi totalitarismi: le Foibe, il campo di prigionia di Arbe, la Risiera di San Sabba".