Il rifiuto di Conte: "Declino l'ipotesi di candidarmi alle suppletive Roma"

Il rifiuto di Conte: "Declino l'ipotesi di candidarmi alle suppletive Roma"

"Ho ancora molto da fare per M5s e non posso dedicarmi ad altro"

Conte suppletive Roma

© GLORIA IMBROGNO / NURPHOTO / NURPHOTO VIA AFP
-

AGI - “Dopo un nuovo supplemento di riflessione, ho capito che in questa fase ho ancora molto da fare per M5s. Non mi è possibile dedicarmi ad altro".

Così Giuseppe Conte, in conferenza stampa, spiega che non si candiderà alle suppletive per il Collegio Roma Centro della Camera.

“Vi assicuro che questa istanza di controllare i parlamentari non mi sfiora. Vi dimostrerò che M5s sarà la forza politica che attraverso il dialogo e il confronto si dimostrerà più compatta nell’affrontare questo passaggio delicato", ha detto rispondendo ai giornalisti.

Quanto alla partita per il Quirinale, Conte ha detto: "Non credo che la mia presenza in Parlamento sia necessaria, ma questa posizione non mi impedirà di partecipare da protagonista all'elezione del Presidente della Repubblica, per la semplice ragione che rappresento, ne sono il leader, la forza politica di maggioranza. Quindi è chiaro che ci sarà un'interlocuzione sempre più intensa, anche se prima c'è la legge di Bilancio. Ma i primi contatti già ci sono con i leader della altre forze politiche e dovranno continuare".