agi live
Il M5s ha perso tutti i sindaci nei capoluoghi di Provincia

Il M5s ha perso tutti i sindaci nei capoluoghi di Provincia

L'ultima possibilità, dopo le sconfitte a Roma e Torino, era legata a Carbonia ma anche nella città del sud della Sardegna si è deciso per il cambiamento con il centrosinistra che si è imposto al primo turno

elezioni comunali m5s perde tutti sindaci capoluoghi provincia

©  
Alessandro Serrano' / AGF - Giuseppe Conte, leader del M5s

AGI - Il Pd e le liste civiche collegate strappano al primo turno al Movimento 5 Stelle il sindaco di Carbonia. Con questo risultato il Movimento 5 Stelle perde tutti i suoi sindaci nei capoluoghi di provincia dopo le debacle già registrate a Roma e Torino.

In attesa dei ballottaggi di domenica 17 e lunedì 18 ottobre, il centrosinistra, nelle sue varie composizioni, ha già portato a casa 7 sindaci nei comuni capoluogo: Milano, Rimini, Salerno, Carbonia, Napoli, Bologna e Ravenna. Negli ultimi tre comuni, il Movimento 5 Stelle era alleato con il centrosinistra. A Carbonia il Movimento 5 Stelle era alleato con Articolo Uno e Psi.

 Il centrodestra ha confermato al primo turno tre sindaci: Pordenone, Novara e Grosseto. Al ballottaggio andranno i comuni di Savona, Torino, Varese, Isernia, Trieste, Caserta, Roma, Benevento, Latina e Cosenza. I ballottaggi vedono contrapposti i candidati di centrosinistra e centrodestra.

Unica eccezione a Benevento dove il sindaco uscente Clemente Mastella non ha l'appoggio di Lega e FdI. Mastella, che ha ottenuto al primo turno il 49,4% dei voti, se la vedrà con il candidato del centrosinistra Perifano.